Melania Rea ultime notizie, si verifica una frase sospetta del marito

Che la testimonianza di Salvatore Parolisi sia determinante per risolvere il caso dell’omicidio di  Carmela Melania Rea lo avevamo già capito da tempo ma, stando alle ultime notizie, ci sarebbe l’ennesima cosa da spiegare. Si tratta di una frase che il marito di Melania avrebbe detto: ” Me l’hanno presa”. A chi si riferiva  e quando ha usato questa espressione?

Questa frase sarebbe stata detta all’amico Raffaele subito dopo la scomparsa di Melania e quindi il pomeriggio del 18 aprile 2011. E’ proprio l’amico di Salvatore a svelare l’ennesimo particolare in una storia che sin dall’inizio non è mai stata chiara. Raffaele spiega che in un primo momento aveva pensato che la frase potesse essere riferita alla bambina. Più probabili il rapimento di una bimba di pochi mesi piuttosto che quello di una donna.

E invece Parolisi si riferiva proprio a sua moglie con quella strana frase. A questo punto bisogna sapere, sempre che questa frase sia stata realmente detta, su chi ricadono i sospetti dell’uomo e soprattutto perchè immaginare dopo pochi minuti un rapimento. E ancora, se esisteva questa paura, se c’era qualcuno che avrebbe potuto prendere Melania, perchè aspettare così tanto prima di chiamare lei e poi chiamara aiuto?

A tutte queste domande dovrà rispondere Salvatore Parolisi, l’unico che forse potrebbe chiarire qualche punto oscuro in questa intricata vicenda. Lo farà molto presto, assicura il colonnello dei Carabinieri Alessandro Patrizio. Sarà ascoltato anche il marito di Carmela Melania Rea. Dovrà dare conto di molte cose.

Nel frattempo dai primi esami sembrerebbe che sotto le unghie di Melania non sia rimasta nessuna traccia di Dna di altre persone. Se è vero che la donna si è difesa lottando contro il suo killer o i suoi killer è anche vero purtroppo che non abbiamo nessuno prova che rimandi a lui o a loro.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.