Sarah Scazzi ultime notizie: scarcerato Michele Misseri

Arriva un nuovo colpo di scena nell’omicidio di Sarah Scazzi, la quindicenne di Avetrana scomparsa dal suo paese il 26 agosto scorso e ritrovata morta, gettata in un pozzo, due mesi dopo. A far ritrovare il corpo della quindicenne fu lo zio, Michele Misseri, che in un primo momento aveva confessato di averla strangolata per motivi a sfondo sessuale e nascosta in un pozzo tra le campagne di Avetrana e Nardò. Ma il contadino di Avetrana non è mai stato fermo su questa versione: nel corso degli interrogatori ha trascinato in carcere il fratello e il nipote (entrambi scarcerati) e la figlia Sabrina, tutt’ora in carcere nonostante i tentativi del padre di scagionarla: in uno degli ultimi interrogatori infatti Michele si sarebbe preso tutta la responsabilità di quanto accaduto.

Ma Misseri è stato considerato dalla suprema corte inattendibile, proprio per le troppe versioni e troppo discordanti tra loro. Allora le indagini sono andate avanti e si è concentrati sulle prove certe, come le mappature delle celle telefoniche, che hanno incastrato Cosima Misseri, moglie di Michele. Infatti, Cosima è stata arrestata lo scorso giovedì, con l’accusa di sequestro di persona, concorso in omicidio e occultamento di cadavere. Per la Procura sono Cosima e Sabrina le uniche colpevoli: avrebbero poi chiesto a Michele di aiutarle a nascondere il cadavere. Vediamo insieme le ultime notizie.Questa mattina, madre e figlia si sono rifiutate di rispondere all’interrogatorio del Gip, avvalendosi della facoltà di non rispondere: se crollasse la madre, di conseguenza crollerebbe anche Sabrina. Nel frattempo, hanno parlato la madre di Sarah e la primogenita dei Misseri: la prima è convinta che l’uccisione della figlia è da ricondurre ad un’eredità, la seconda invece continua a proclamare l’innocenza di Cosima e Sabrina.

Poche ore fa Michele Misseri, è stato scarcerato. Il gip, Martino Rosati, ha infatti accolto l’istanza di scarcerazione presentata dai legali dell’uomo: indagato della sola soppressione del corpo, il contadino di Avetrana ha già superato il limite di detenzione preventiva previsto dal codice di procedura penale, che per quel reato prevede un massimo di sei mesi. Misseri dunque potrà tornare ad abitare nella sua casa di via Deledda ed affrontare il processo da indagato a piede libero.

Sm

15 responses to “Sarah Scazzi ultime notizie: scarcerato Michele Misseri

  1. Questa decisione della Corte mi ha sorpreso non poco.
    La domanda è perché hanno messo in libertà Misseri?
    Questa persona non è uno stinco di santo e quindi c’è qualcosa che non mi convince.
    Lo hanno scarcerato perché il Misseri possa fare qualche passo falso, oppure confidarsi con la figlia Valentina?
    Vedremo il seguito di questa storia infinita.
    Angelo

  2. apposto michele misseri a casa siiiiiiii non ha fatto gran ke ha solo buttato la povera sara nel pozzo cosa da niente………..vergogna alla legge italiana.

  3. michele non è al sicuro in quella casa insieme a valentina, spero che qualcuno lo capisca.Intanto anche la giornalista maria corbi saguace di valentina ha scritto un articolo veramente vergonoso!Qcerti giornalisti pensano di essere più bravi della procura e sparlano senza avernme causa!vergogna!

  4. la procura sa quel che fa, se lo ha rilasciato ci saranno certamente le cause giuste! Se sabrina e cosima sono tanto innocenti perché ieri non hanno parlatO? Quando non si ha nulla da nascondere si parla!!!!!!quindi????????????

  5. nn si puo’ nn e’ possibile anke se mikele nn e’ l’autore dell’omcidio della pikkola sarah, ha cmq nascosto il corpo, ieri in televisione hanno detto ke la pena di occultamento di cadavere e’ di 6 mesi ,mentre mikele ne ha fatti otto, quindi si e’ gia’ scontato la pena …..ke shifo la legge italiana ,quindi la vita di una persone nn vale niente se in 6 mesi stai gia’ fuori …mi vergogno di essere italiano……

  6. Misseri non ha ucciso la nipote Sarah, osservatelo bene quando è inquadrato dalle Telecamere è evidente che sta recitando una parte in commedia, imbeccato dalla figlia Valentina e coadiuvato dal collegio difensivo/mediatico di Sabrina i giornalisti: (Ilaria Cavo, Maria Corbi, Remo Croci ecc.) Misseri dice sono io il colpevole la procura non mi crede e, neanche io gli credo. Ci sarebbe un modo pero’ per capire se dice la verità. Basta fargli una semplice domanda che a nessuno dei giornalisti succitati e’ venuta in mente. La domanda è questa. Michele tu dici di essere il copevole, bene ! Dov’e’ l’arma del delitto ? Dove hai nascosto l’arma del delitto ? Vedrete che non saprà rispondere, poerche’ e’ evidente che il suo unico scopo e’ quello di far scarcerare la moglie e lafiglia. Cordiali Saluti Filippo

  7. Non so se criticare alcuni giornalisti che mandano in onda le bugie scabrose di Michele Misseri ! So solamente che a vederlo così ben messo a sistemare il suo giardino in quella casa dell’orrore provo un tal disgusto. Capisco che la stampa ed i giornalisti debbano lavorare ed informarci ma credetemi che si sta oltrepassando ogni limite. Michele per me è un uomo di cartone che a contatto con l’acqua si spande e si deforma . Da parte mia questo VILE non merita di essere inseguito dai giornalisti; xchè fanno il gioco dell’altra mostruosa figlia Valentina e degli avvocati difensori delle streghe – Cosima e Sabrina. A questo punto Michele merita di essere denunciato dagli inquirenti per autocalunnia e rispedito in carcere dove da solo potrà ripulirsi l’anima che in quella casa dell’orrore ed insieme alla figlia Valentina diventa semprep iù nera.

  8. Per Pasquale:fai bene a vergognarti, ma non di essere italiano, bensì della tua ignoranza: quella sì che è degna di vergogna.
    Visto che non lo sai, è bene spiegarti che il carcere già scontato dal Misseri non è la pena per un reato, ma solo la durata massima della custodia cautelare, comminata perchè c’era il pericolo di inquinamento delle prove, fuga o reiterazione del reato.
    Quei sei mesi non sono la pena per quel tipo di reato, visto che il Misseri non è stato ancora processato nè tantomeno condannato. La condanna, semmai, seguirà al processo, cui interverrà a piede libero, come dice chiaramente l’articolo se ti fossi preso la pena di leggerlo bene.
    Il Misseri è quello che è, lo sappiamo tutti, ma tu, prima di sputare su qualcosa che non conosci, almeno informati; questi giudizi cialtroni non ti fanno fare bella figura, sai?
    Lucilla

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.