Melania Rea ultime notizie, trenta testimoni non l’hanno vista a Colle San Marco

Continuano le indagini sull’omicidio della giovane di Somma Vesuviana, Melania Rea. La donna, 29 enne e madre di una bambina di appena 18 mesi, era sparita lo scorso 18 aprile e fu ritrovata morta 2 giorni dopo, il 20 aprile 2011, nel bosco di Ripe di Civitella, nel teramano. Unica persona informata sui fatti pare essere il marito Salvatore Parolisi, caporalmaggiore dell’esercito. Ma adesso le cose potrebbero complicarsi per l’uomo. Parolisi infatti ha sempre dichiarato di trovarsi a Colle San Marco con Melania e con la figlia Vittoria, quando la moglie si è allontanata per recarsi in bagno. Da quel momento di Melania si perderanno le tracce, e si ritroverà il suo corpo, privo di vita, lontano ben 18 km da Colle San Marco. Ma Melania il 18 aprile era davvero a Colle San Marco come afferma il marito Salvatore Parolisi? Sembrerebbe di no. Vediamo insieme quali sono le ultime notizie sulla scomparsa e sulla morte di Melania.

Dicevamo che la posizione di Parolisi potrebbe complicarsi, perché sono in trenta le persone che affermano che Melania a Colle San Marco probabilmente non c’è mai stata. Un condomino di Melania Rea dice di averla incontrata il giorno della scomparsa, nel pianerottolo e di averla salutata. Delle trenta persone ascoltate dalla procura di Ascoli, nessuna di queste conferma di aver visto Melania quel giorno, alle le 14, 40, sul pianoro di Colle San Marco.

Salvatore Parolisi inoltre sarebbe stato notato da Alfredo Ranelli all’interno di un ristorante, Il cacciatore, soltanto poco prima delle 15.30. A confermare quanto risulta dagli atti della Procura c’è anche la testimonianza di un operaio macedone, che ha raccontato di essere andati al chiosco per prendere un caffé e di non aver visto in quel tragitto Melania Rea.

Sm

19 responses to “Melania Rea ultime notizie, trenta testimoni non l’hanno vista a Colle San Marco

  1. Il marito e’ sicuramente il colpevole, e’ chiaro che Melania non e’ mai stata sul Colle San Marco-
    penso che i due sono andati a Civitella e li’ e’ scoppiato un litigio, forse lei voleva parlare ai superiori del marito delle sue scappatelle-
    comunque l’ha uccisa e poi e’ andato sul Colle.

  2. Ben detto, Melania non è mai andata a Colle San Marco il 18 aprile, perché il marito l’ha portata direttamente nel Bosco delle Casermette a Ripe di Civitella del Tronto, adiacente al poligono militare di tiro, posto a lui ben noto, e sorattutto non frequentato, come il pianoro sopra Ascoli Piceno, e lì l’ha uccisa d’impeto per la rabbia che l’ha ccecato od impaurito, dopo un aspro litigio, con un coltello non adatto, per cui ha dovuto infierire, anche per depisatre le indagini successive.

  3. Ben detto, Melania non è mai andata a Colle San Marco il 18 aprile, perché il marito l’ha portata direttamente nel Bosco delle Casermette a Ripe di Civitella del Tronto, adiacente al poligono militare di tiro, posto a lui ben noto, e sorattutto non frequentato, come il pianoro sopra Ascoli Piceno, e lì l’ha uccisa d’impeto per la rabbia che l’ha accecato od impaurito, anche per le conseguenze negative sia dell’addebito per colpa nella separazione coniugale, ed il caporalmaggiore non navigava nell’oro, e sia in particolare per l’eventuale rivelazione della vita scelerata del marito, tale da provocare uno scandalo e la rovina della sua carriera militare. E così dopo un aspro o furibondo litigio, il Paroilisi ha colpita la moglie alla schiena con un coltello non adatto, a sua disposizione in auto, per cui ha dovuto infierire, anche per depistare le indagini successive.

  4. ma poi uno che deve andare in bagno, che fa, se ne va a 10 km, neanche io sn il tipo di andare in mezzo al bosco,ma x una volta nella vita, nn succede nulla.. secondo me lei aveva scoperto tutto e in procinto di rivelare tutto, lui l’ha fatta tacere…

  5. Stasera ho seguito l’intervista a Parolisi, abbiamo trovato un nuovo attore, meno male che anche la famiglia di Melania se ne sta accorgendo.Lo devono mettere sotto pressione, è un militare che ha fatto missioni di guerra, ce ne vuole per farlo cadere, ma avete notato come descrive tutto nei minimi dettagli? Cosa vi fa pensare?

  6. Riguardo il giallo Sarah Scazzi,non so se non si vergogna a parlare in quel modo Valentina, quando prima aveva detto che dopo quello che aveva fatto per lei non esisteva più il padre,ora dice che non lo può lasciare,probabilmente deve finire l’opera delle donne di casa Misseri,far prendere l’ergastolo al padre,per salvare le vere colpevoli,sorella e madre,si capisce da quanto ci è stato fatto sapere che Sarah era diventato un peso per la famiglia Misseri.

  7. Ben gli sta al sig. Carmelo Lestini, il falso testimone e mitomane! La denuncia per falsa testimonianza e/o procurato allarme, è il minimo che gli possa capitare. Per cui non c’è praticamente nessuno che abbia visto Melania a Colle San Marco il 18 aprile. Infatti non può essere, perché la giovane era già morta nel bosco delle Casermette a Ripe di Civitella del Tronto, dove l’ha portata ed uccisa proprio il marito, Salvatore, che invita la molta gente sul pianoro a ricordare di averla vista lassù. Gli farebbe comodo per il suo alibi, ma i gitanti hanno veduto solo lui, il caporalmaggiore, e soltanto dopo le 15,30. Tutto indirizza all’ipotesi, e conferma l’idea, che sia davvero il Parolisi l’assassino di Carmenla Rea, altro che storie!

  8. Mi sembra elementare. Il caporale uccide la moglie, Porta il corpo in montagna. La pugnala nuovamente ed inscena la droga. Torna a casa si libera dei vestiti, prende la bambina e il resto è scritto.

  9. ranelli proprietario del chiosco vede parolisi alle 15 con la bambina alle altalene e una donna che non sa se era melania, ma lui alle 15 c’era parte da casa visto dai vicini con la moglie e la bambina alle 14,10.lui comunque alle 15 viene visto alle 15,20telefona alla moglie da san marco ci sono i tabulati, alle 15,30 con la macchina sispoosta davanti al ristorante per andare a cercare la moglie.voglio ricordare a tutti che i cani hanno annusato l’odore di melania nel viottolo a san marco,i cani non mentono.l’ostinazione con cui gli inquirenti non fanno partire le indagini da li è sconvolgente, sembra veramente che si voglia coprire qualcuno della caserma ma non parolisi, è coinvolto qualche pezzo più importante?chiunque conosce quelle strade tortuose sa benessimo che i tempi di percorrenza sono lunghi gli inquirenti dicono che parolisi è andato prima a ripe.Folignano-Ripe 25 minuti, partenza da folignano alle 14,10 arriviamo alle 14,35,Parolisi dovrebbe scendere dalla macchina ammazzare la moglie pulirsi,cambiarsi ripartire e andare a san marco tempo di percorrenza, considerando che aveva la bambina e non poteva correre 20 minuti, arriviamo alle 14,55,alle 15 stava alle altalene visto dal ranelli in 5 minuti non poteva compiere il delitto della moglie nemmeno se fosse stato pianificato.l’errore degli inquirenti è di non indagare a 360 gradi,l’assassino è una donna melania èstata rapita a san marco nel punto dove i cani interrompono la corsa.svegliatevi i cani non mentono

  10. PER INDAGARE A 360 GRADI BISOGNA COMINCIARE A VEDERE E VERIFICARE LE STRANEZZE CHE ALTRE PERSONE HANNO AVUTO.
    gUARDIAMO UN ATTIMO SONIA L’AMICA DI MELANIA,IL MARITO DI SONIA AVEVA IMPORTUNATO MELANIA AD UNA FESTA,SONIA CHIAMA ALLE 14,40,PERCHE’ CHIAMA MELANIA SE SI DOVEVANO VEDERE ALLE 16? QUESTA COSA E’ VERAMENTE STRANA, DAI TABULATI RISULTA POI SE SONIA NON VEDENDO ARRIVARE MELANIA ALLE ORE 16,LA CHIAMA PER SAPERE COME MAI NON ARRIVA?
    AD UNA INTERVISTA IN UN PROGRAMMA SONIA HA UN LAPSUS DEL TIPO:L’ABBIAMO UCCISA……..L’HANNO UCCISA………
    L’ALIBI DI SONIA E DEL MARITO VANNO VERIFICATI, SICCOME A SAN MARCO C’ERA DI SCENA TANTE DONNE, QUELLE VISTE DAL CICLISTA SUL CIGLIO DELLA STRADA, QUELLA VISTA DA UN UOMO CORRERE NEL BOSCO, QUELLE VISTE DALL’ANTENNISTA CHE DUE DONNE GLI CHIEDEVANO SE AVEVA VISTO UN’ALTRA DONNA,ECC. EBBENE è IL CASO CHE LA STRANEZZA DI SONIA DELLA TELEFONATA FATTA E FORSE DI QUELLA MANCATA ALLE 16,GLI INQUIRENTI NE CHIEDANO CONTO.
    APRITE L’ORIZZONTE DELLE INDAGINI,VERIFICATE SE FRA GLI AMICI E CONOSCENTI DELLA COPPIA CI FOSSE QUALCUNO CEH LAVORA IN OSPEDALE, PERCHE’ IL DEPISTAGGIO FATTO CON L SIRINGA MI SEMBRA OPERA DI QUALCUNO CHE LO FA PER MESTIERE E PER DEFORMAZIONE PROFESSIONALE,UTILIZZA LA SIRINGA PROPRIO PERCHè LA USA SPESSO.uNA CURIOSITà SONIA CHE LAVORO FA?IL MARITO DI SONIA NELL’ORA PRESUNTA DELLA SCOMPARSA, VISTO CHE L’ORA DELLA MORTE ANCORA NON SI SA,DOVE ERA? E’ STATO VERIFICATO IL SUO ALIBI COMPRESO QUELLO DELLA MOGLIE SONIA?

  11. PERCHè TUTTE QUESTE DONNE VANNO IN TV SUL CASO MELANIA REA
    SONIA CON LA SUA STRANEZZA DI AVER TELEFONATO ALLE 14,40 A MELANIA QUANDO SI DOVEVANO VEDERE ALLE ORE 16 E IN UN LAPSUS AD UNA TRASMISSIONE DICE:ABBIAMO UCCISO MELANIA ……….HANNO UCCISO MELANIA PER LA SECONDA VOLTA….

    LUDOVICA CHE DICE CHE MELANIA NON L’HA MINACCIATA

    STEFANIA LA MOGLIE DI PACIOLLA CHE ADDIRITTURA AFFERMA CHE MELANIA NON POTEVA AVER FATTO L’AMORE A RIPE CON IL MARITO PERCHè GLI FACEVA MALE LA SCHIENA, MA CHE COSA NE SA LEI…

    VALENTINA AMICA DI MELANIA CHE FINALMENTE AfFERMA UNA COS A CHE PUò ESSERE UN POSSIBILE MOVENTE, PERCHè FINO AD OGGI MANCA UN MOVENTE E L’ARMA DEL DELITTO, COSA PRIMARIA DA ACCERTARE IN UNA INCHIESTA SERIA.vALENTINA DICE ,SMENTENDO LUDOVICA CHE MELANIA AVEVA MINACCIATO LUDOVICA AL TELEFONO DI STRONCARGLI LA CARRIERA PERCHè CONOSCEVA UN PEZZO GROSSO DELL’ESERCITO, SE NON LASCIAVA IN PACE IL MARITO.MELANIA AVEVA DECISO DI RiMANERE CON IL MARITO E RICUCIRE IL RAPPORTO
    così come parolisi ha preso in giro ludovica perchè lui mai avrebbe lasciato la moglie

    GUARDATE QUANTE DONNE VANNO IN TELEVISIONE, OGNUNA DI LORO HA UNA STRANEZZA DA GIUSTIFICARE AGLI INQUIRENTI SE FACESSERO LE INDAGINI SERIE.

    IL DEPISTAGGIO è OPERA DI QUALCUNO CHE DI MESTIERE ADOPERA LE SIRINGHE E PER DEFORMAZIONE PROFESSIONALE HA DEPISTATO CON GLI OGGETTI DI LAVORO, C’è QUALCUNO FRA QUESTE DONNE CHE LAVORA O IN INFERMERIA O ALL’OSPEDALE ANCH ESOLO COME INSERVIENTE? sarebbe curioso saperlo

  12. la straenzze di sonia, telefona a melania con il cellulare della madre,poi manda il messaggio sul wind sapendo benissimo che melania usa il tim il wind stava a caricare a casa, Ma davvero gli inquirenti non trovano strano che sonia chiami melania alle 14,40 nonostante si dovevano vedere alle 16?per quanto riguarda la borsa, scusate anche io quando so di stare solo qualche ora fuori casa e vado con mio marito non mi porto la borsa perchè i soldi ce l’ha lui, cosi come quella del mio bambino, se l’ho cambiato ha mangiato e so di stare fuori una oretta non me la porto , io sono andata a san marco con il mio bambino e mio marito tante volte ,mai e poi mai abbiamo visto quel viottolo che arriva direttamente al ristorante, dalle altalene ritorno sulla strada,faccio la curva e vado al ristorante, i gesti di melania sono quelli di una qualsiasi donna come me,mentre sonia vorrei sapere perchè ha telefonato a melania, qualsiasi cosa gli doveva chiedere poteva aspettare le 16.sono stranezze peggio di quelle di parolisi,perchè parolisi sono per coprire i tradimenti, le stranezze di sonia sono per coprire un probabile omicidio ,sonia aveva il movente perchè il marito ha importunato melania ad una festa e sonia forse voleva un chiarimento finito poi in tragedia, il fatto che melania sia stata sfigurata,è ad opera di una donna invidiosa per la sua bellezza

  13. gli inquirenti devono fare bene le indagini,perchè le celle telefoniche di ripe e san marco si sovrappongono, loro devono fare semplicemente una simulazione, partano da folignano alle 4,0 orario visto dai vicini e vadano a ripe,da ripe a san marco, alle 15 parolisi era sicuramente a san marco visto dal ranelli, potranno constatare che non ci sono i tempi tecnici per compiere nemmeno il delitto più pianificato, a meno che non vogliono farci credere che in 5 minuti a ripe parolisi uccide la moglie si pulisce ,si cambia e riparte cosa impossibile in 5 minuti non si compie nemmeno il delitto più pianificato devono spiegare come mai i cani hanno annusato l’odore di melania a san marco, i cani non mentono

  14. I CANI HANNO ANNUSATO L’ODORE DI MELANIA A SAN MARCO I CANI NON MENTONO, ITESTIMONI SOPRATTUTTO QUELLI USCITI A DUE MESI DALL”OMICIDIO SI,MAGARI C’è STATA POCHI MINUTI,MA C’è STATA. NON FARE L’ERRORE FATTO NELL’OMICIDIO DI YARA L’INDAGINE DEVE RIPARTIRE DA DOVE I CANI HANNO ANNUSATO L’ODORE DI MELANIA TERMINA VICINO AL MONUMENTO DEI CADUTI A SAN MARCO,L’OSTINAZIONE A NON VOLER PRENDERE QUESTA PROVA REGINA MENTRE SI ASCOLTANO I TESTIMONI A DUE MESI DALL’OMICIDIO è TERRIFICANTE I TESTIMONI POSSONO MENTIRE MRICORDARE MALE O FALSARE LA VERITà PERCHè VENUTI A CONOSCENZA CHE PAROLISI AVEVA L’AMANTE. LE TESTIMONIANZE PIù VERE SONO QUELLE FATTE SUBITO,RANELLI HA SEMPRE DICHIARATO CHE PAROLISI STAVA ALLE ALTALENE CON LA BAMBINA E UNA DONNA CHE NON SA SE ERA MELANIA, ALLE ORE 15 LO RICORDA BENISSIMO PERCHè AVEVA UN ABBIGLIAMENTO PARTICOLARE.ALLE 15 PROLISI ERA ALLE ALTALENE, ALLE 14,10 PARTIVA DA FOLIGNANO VISTO DAI VICINI, VI INVITO AD ANDARE DA FOLIGANO, RIPE,UCCIDERE ANDARE A SAN MARCO I TEMPI TECNICI PER COMPIERE L’OMICIDIO NON CI SONO, LE STRADE SONO TORTUOSE E PAROLISI NON POTEVA CERTO CORRERE AD ALTISSIMA VELOCITà VISTO CHE AVEVA LA BIMBA.IO CONOCNO LE STRADE GLI INQUIRENTI DEVONO DARE UN’ALTRA VERSIONE DI COME PAROLISI ABBIA UCCISO LA MOGLIE PERCHè QUESTA NON REGGERà IN NESSUNA AULA DI TRIBUNALE, BASTA CHE I DIFENSORI CHIEDANO LA VERIFICA DEI TEMPI DI PERCORRENZA DELLA STRADA E IL CASTELLO ACCUSATORIO CROLLERà,NON INDAGARE A SENZO UNICO ,OVVIO CHE CHI HA UCCISO SONO ALTRI ,MAGARI PAROLISI HA INTUITO CHI è E NON HA LE PROVE

  15. voglio mettere questo commento su questo articolo per far vedere come i testimoni a distanza di tempo siano inattendibili, andate a vedere le foto dei ragazzini fatta alle altalene,loro hanno dichiarato che non c’era nessuna macchina,invece vediamo che dietro la staccionata c’è una macchina nera simile a quella di parolisi,le l altalene nemmeno le avranno viste intenti come erano a giocare, voglio far notare che nelle foto non ‘c’è nemmeno la fantomatica signora che ha dichiarato di essere li dalle 14,30 alle 15,30 tutta questa gente non c’è alle altalene,la foto pone un altro punto a favore di parolisi, vi ricordate come gli inquirenti e i testimoni hanno dichiarato che quel giorno era freddo e che parolisi era vestito con i pantaloncini corti perchè si era cambiato dopo il delitto?ebbene guardate il primo piano del ragazzino moro vestito con la canottiera e i pantalni corti, questo è l’ulteriore dimostarzione che le testimonianze delle persone sono inattendibili se non suffragate da elementi oggettivi,come appunto foto,Parolisi quindi non aveva mentito , le menzogne di Parolisi riguardano il fatto di coprire i tradimenti, un conto è tradire un conto è ammazzare. le indagini vanno fatte dentro la casermaperchè a Ripe c’erano le sentinelle ,l’accusa le ha interrogate? ha interrogato i militari che stavano a fare l’esercitazione proprio quel pomeriggio a Ripe?gli inquirenti non vogliono entrare in caserma ad indagare e cercano il capo espiatorio, cioè Parolisi, troppo comodo,per coprire così il vero-a assassino-a

  16. ANDATE A SNETIRE SU INTERNET L’INTERVISTA AL PROPRIETARIO DEL RISTORANTE DI SAN GIACOMO VICINO RIPE DOVE I 8 MILITARI DI CHIETI SONO ANDATI A MAGIARE NEL GIORNO 18 APRILE DURANTE L’ESERCITAZIONE, IL PROPRIETARIO DICE CHE ANCHE IL GIORNO DOPO IL19 APRILE SONO RITORNATI A RIPE A FARE L’ESERCITAZIONE, VOLETE FARMI CREDERE CHE PUR ESSENDO PASSATI VICINO A QUEL CHISCO DOVE è STATO TROVATO IL CORPO DI MELANIA NON L’HANNO VISTO? MELANIA è STATA PORTATA LI DOPO, OPPURE TUTTI I SOLDATI HANNO ASSISTITO ALL’OMICIDIO E SONO TUTTI COMPLICI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.