Jason, neonato scomparso: è iniziato l’interrogatorio dei genitori

Jason è il neonato scomparso nel nulla nel giugno scorso. E’ figlio di Katia Reginella, sposata con Denny Pruscino, anche se quest’ultimo non è il padre naturale del bambino. E’ una storia triste, accaduta a Folignano, vicino Ascoli. Alla madre del neonato erano stati già tolti atri due figli, per presunti maltrattamenti. Per paura di perdere anche l’ultimo, Jason appunto, la donna lo avrebbe nascosto. Non si sa né dove né come. Nel corso delle indagini, sono diverse le versioni date dai familiari. Katia, la madre, aveva affermato che Jason era morto per un caduta accidentale e che l’aveva seppellito facendo tutto da sola. Poi ha accusato il marito di averlo ucciso in un momento di rabbia. Ma Denny non ha mai confermato questa versione: dice che Jason è morto in un incidente domestico.  Ecco le ultime notizie.Ancora oggi, a tre mesi dalla scomparsa di Jason, se il neonato è vivo o morto lo sanno solo loro. Ed è anche per questo che oggi sono ascoltati ad Ascoli Piceno. E’ iniziato da poco il doppio interrogatorio in incidente probatorio di Katia Reginella e Denny Pruscino, indagato per l’omicidio del bambino di Katia. Davanti a loro c’è il giudice per le indagini preliminari Rita De Angelis. I due genitori, come sappiamo, sono stati arrestati a luglio, con l’accusa di maltrattamenti ed abbandono di minore e, se è vero che Jason è morto, l’accusa sarebbe anche quella di occultamento di cadavere. All’interrogatorio partecipano i pm Carmine Pirozzoli e Cinzia Piccioni. I due, come dicevamo, hanno dato diverse versioni di quello che potrebbe essere accaduto al piccolo Jason, mentre i familiari, i parenti e i nonni, continuano a sostenere che il neonato è vivo. Della storia se n’è occupato anche Salvo Sottile nel corso di Quarto Grado venerdì scorso: leggi il riassunto della storia di Jason a Quarto Grado

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.