Sarah Scazzi ultime notizie: le foto shock del ritrovamento del corpo

Si susseguono ancora notizie dai particolari macabri, sulla morte di Sarah Scazzi. Notizie che forse non sono nemmeno degne di essere chiamate così. Notizie che noi riportiamo perché sono apparse nella rete. Infatti, il Corriere del Mezzogiorno, ha deciso di mostrare l’orrore del ritrovamento del corpo della piccola Sarah Scazzi. Ricordiamo che si tratta della 15 enne scomparsa da Avetrana – vicino Taranto – il 26 agosto 2010 e ritrovata dopo circa due mesi, grazie alla confessione dello zio Michele Misseri, in un pozzo. Oggi quel pozzo nelle campagne tra Avetrana e Nardò è finito online, ed è quello che potete vedere nella foto. Sono gli scatti del ritrovamento del corpo di Sarah Scazzi, la notte tra il 6 e il 7 ottobre del 2010, quando Michele Misseri confessò di aver ucciso e seppellito in un pozzo la nipotina.Come dicevamo, queste foto sono state pubblicate oggi dal Corriere del Mezzogiorno, e saranno mostrate nell’aula Alessandrini della Corte d’Assise di Taranto, dove inizierà nei prossimi giorni il processo per l’omicidio della ragazzina, scomparsa a fine agosto e ritrovata morta un mese e mezzo dopo. I genitori di Sarah chiedono giustizia per la loro bambina. I principali imputati sono i membri della famiglia Misseri. In particolare, in carcere con l’accusa di omicidio, ci sono Cosima e Sabrina Misseri, rispettivamente zia e cugina della piccola Sarah Scazzi. Secondo gli inquirenti sarebbero state loro ad uccidere la ragazzina, ma non ci sono prove sufficienti per condannare le due Misseri che hanno sempre negato tutto. Nei prossimi giorni, forse, si farà qualche passo avanti nel giallo di Avetrana, un giallo costellato da qualche bugia, poche verità, tante omissioni. Un giallo che è stato troppe volte sotto i riflettori delle televisioni ma che, purtroppo, non ha ancora portato alla verità. Chi ha ucciso la piccola Sarah Scazzi? È a questa domanda che adesso bisogna rispondere.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.