Napoli: scippano una signora, il video è su YouTube (video)

Stiamo per raccontarvi un’altra storia di scippi, avvenuta a Napoli e ancora una volta la vittima è una signora che p stata letteralmente aggredita con calci per sottrarle la borsetta che aveva con sé. Ma questa storia riguarda anche l’utilizzo delle nuove tecnologie. Il figlio della donna infatti ha deciso di mettere il video dell’aggressione, probabilmente registrata da alcune telecamere di sicurezza, su Youtube, canale di condivisione di video per eccellenza. Ma c’è di più: gli utenti adesso si affidano alla bontà dei cittadini e fanno sapere che ci sarà un compenso di duemila euro per chiunque possa fornire i nomi dei due malviventi. Ecco com’è andata: a fine articolo potrete trovare il video dell’aggressione.

Napoli: scippano borsetta ad una signora con calci, ma il video finisce su Youtube.

Uno le scippa la borsetta, l’altro – quando lei reagisce – la prende a calci. Poi fuggono via in macchina e per la povera signora non c’è più niente da fare. La rapina, in pieno giorno a Frattamaggiore, nel napoletano, avvenuta qualche mese fa, è finita oggi su YouTube. L’utente cha ha pubblicato il video sul canale scrive:
“Quella signora è mia madre e a me ha dato molto fastidio il fatto che due senza palle abbiano allungato le mani ad una signora indifesa”. “Se conoscete uno dei due rapinatori, scrivetemi, così passo da loro e gli insegno come si prende a schiaffi una persona.Resti tra noi, i due hanno rischiato di prendere le botte dalla signora. Che figura di mer**”.  E la descrizione che accompagna il video termina con un appello: “Ringrazio anticipatamente chi riuscirà a fornirmi i nomi delle 2 persone. Anzi, vi darò 2000 euro. Grazie”. Chissà se proprio grazie a quel video si riusciranno a rintracciare i due malviventi che hanno preso a calci la donna per sottrarle la borsa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.