Roberta Ragusa ultime notizie: parlano i figli

Ritorniamo sul caso di Roberta Ragusa: sono ormai passati due mesi dalla sua scomparsa: era il 13 gennaio 2012, stessa sera in cui avvenne la tragedia della Costa Concordia. Di Roberta purtroppo non c’è traccia: non un indizio, non una prova. Perfino il sopralluogo dei Ris di Roma non ha trovato niente che possa confermare, o almeno far pensare, all’ipotesi di omicidio volontario, avanzata dagli inquirenti nei confronti del marito della donna. Per il momento, sono rimasti esclusi dai controlli le auto e i furgoni a disposizione del marito, Antonio Logli: come sappiamo l’uomo è rimasto impassibile alla scomparsa della moglie. Antonio non ha mostrato mai un segno di cedimento, non ha mai fornito una contraddizione né momenti di indecisione durante i colloqui avuti con gli investigatori per ricostruire i fatti. Adesso parlano i figli. Ecco le ultime notizie.I figli di Roberta e Antonio sono Alessia e Daniele: hanno rispettivamente 11 e 15 anni. E’ proprio dal quindicenne Danieleche son partite le ricerche di Roberta, con una foto su facebook in cui diceva: «Quella nella foto è mia madre ed è scomparsa. Non è uno scherzo, aiutatemi». Entrambi i figli della scomparsa sono stati ascoltati dagli assistenti sociali, in quanto minori. I due hanno raccontato di aver cenato intorno alle 21 con i genitori la sera di quel 13 gennaio, l’ultima in cui hanno visto la madre. Poi la bambina si è coricata nel lettone dei genitori e, intorno alle 23, il padre l’avrebbe portata nella sua cameretta.È la stessa versione dei fatti che dà Antonio, il padre di Alessia e Daniele. Ma è proprio da questo minuto in poi che non si capisce esattamente cosa sia successo: è qui che potrebbero entrare in gioco i due cellulari scomparsi che Logli e Sara, la giovane amante e segretaria dell’autoscuola, utilizzavano per sentirsi. Dei telefonini non ci sarebbe più traccia dai giorni della scomparsa di Roberta e i due amanti avrebbero detto di essersene liberati “per paura di essere scoperti”.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.