Carmela Petrucci ultime notizie: si cerca il complice di Caruso

Torniamo a parlare dell’uccisione di Carmela Petrucci, la giovane 17enne che nel primo pomeriggio del 19 ottobre scorso, è stata accoltellata da Samuele Caruso, 23enne, ex fidanzato della sorella. Carmela e Lucia, la sorella, tornavano assieme da scuola: non sapevano che una volta entrate nel portone del loro palazzo sarebbe successo qualcosa di incredibile: ad aspettarle c’era Samuele Caruso, ex fidanzato di Lucia. Il 23enne era impazzito: era geloso della sua ex fidanzata, e così ha pensato bene di aspettarla nell’androne del palazzo, per ucciderla. Solo che a perdere la vita è stata Carmela, Lucia si è fortunatamente salvata, rimanendo ferita. Carmela, eroina coraggiosa, ha fatto di tutto per difendere la sorella Lucia, fino a perdere la vita. Vediamo insieme le ultime notizie.Adesso gli inquirenti vogliono capire se Caruso ha avuto un complice, se qualche compagno di liceo delle due, ha accompagnato il folle killer fin sotto al portone dove abita la famiglia Petrucci. E per farlo, la polizia, ha deciso di interrogare moltissimi studenti del liceo Umberto di Palermo, nella giornata di ieri. I compagni di Carmela Petrucci, la ragazza assasinata a coltellate dall’ex fidanzato Samuele Caruso, sono stati ascoltati dagli investigatori che vogliono capire se l’omicida ha avuto un complice. Il dubbio riguarda se Samuele fu accompagnato da qualcuno sotto casa di Carmela e della sorella Lucia. A parlare chiaro, ovviamente, saranno anche i dati del profilo Facebook di Caruso e i tabulati telefonici. Dalle ultime notizie si apprende inoltre che probabilmente tre persone hanno aiutato Caruso, dopo l’omicidio a medicarsi le ferite e cambiarsi la maglietta, per poi scappare a Bagheria, da uno zio. Queste persone sarebbero un amico, un cugino e la madre del giovane. Adesso bisogna capire se esistono anche dei complici che hanno aiutato Caruso prima del folle gesto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.