Verona, broker finanziario si impicca dopo aver aggredito due dipendenti

Ad Arcole, in provincia di Verona, un broker finanziario di 52 anni si è impiccato. Poco prima aveva avuto una lite con due ex dipendenti, una 44enne e una 42enne, ferite entrambe con un coltello. A quanto pare le donne avevano chiesto un incontro con l’ex datore di lavoro al fine di regolare alcuni pagamenti a favore delle due. L’episodio è però finito in tragedia. Il broker finanziario, a quanto emerge dai primi rilevamenti, ha aggredito le due donne in momenti diversi. Una è stata aggredita in casa sua, mentre l’altra in strada.

Da chiarire è il movente dell’aggressione alle dipendenti da parte del broker finanziario. A quanto pare il 52enne non aveva problemi economici né debiti. La dipendente aggredita in strada è stata portata al Pronto soccorso dell’ospedale di San Bonifacio da un medico di base, mentre l’altra è stata trasportata all’ospedale Borgo Trento di Verona, a bordo di un elicottero del Suem. Sarebbero state entrambe colpite più volte con arma da taglio in varie parti del corpo. Non sono attualmente chiare le loro condizioni di salute.

Dopo aver aggredito le due dipendenti, il broker finanziario è stato trovato impiccato dai Carabinieri. Non è noto perché l’uomo abbia scelto di suicidarsi, e soprattutto se tutto ciò sia connesso alla precedente lite, sfociata in aggressione, con le sue ex dipendenti.

La vicenda presenta ancora molti lati oscuri che verranno chiariti dalle indagini delle forze dell’ordine. Saranno le donne stesse, una volta fuori pericolo, a poter fornire maggiori dettagli su quanto accaduto e sulle vicende che riguardano il broker finanziario, loro ex datore di lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.