Londra: patto suicida tra due sconosciuti

Sono stati trovati morti in un’auto piena di vapori. È il caso di Jenny Marie Spain, 23 anni, originaria di Deptford, e Mark Wayne Searle, 37 anni, da Hailmsham nell‘East Sussex.

A scoprire i loro cadaveri è stata una donna a passeggio con il suo cane, a Chalfont St Giles, nel Buckinghamshire, in una stradina sperduta di campagna. I due sono stati trovati riversi sui sedili posteriori di una Ford Ka, appartenente a Spain, con un messaggio sul parabrezza dell’auto in cui mettevano in guardia i passanti sui rischi dei gas tossici. Per precauzione, gli ufficiali in un primo momento avevano sigillato l’area attorno alla scena del suicidio e avevano evacuato i residenti. In seguito hanno constatato l’assenza di rischi di contaminazione all’esterno dell’automobile.

«Gli esperti hanno impiegato tre ore per controllare l’atmosfera prima di permettere che i residenti ritornassero alle loro abitazioni», dichiara Gill Sutton, 69 anni, residente nella zona. Massime precauzioni anche per la donna artefice del ritrovamento dei corpi che, essendo venuta a contatto con i vapori all’interno dell’auto, è stata portata in ospedale per un controllo.

Sulla duplice morte è stata aperta un’inchiesta, coordinata dal magistrato del Buckinghamshire, Richard Hulett. La polizia definisce il caso come «senza spiegazioni ma senza sospettati». Probabilmente i due presunti suicidi si erano conosciuti in rete. «Tra i due non c’è nessun legame evidente – ha rivelato una fonte della polizia – Stiamo indagando per scoprire se i due si conoscessero da tempo. L’auto era in fondo a un piccolo sentiero fuori mano per chiunque. I due evidentemente non volevano essere trovati».

Non è il primo caso di “patto suicida”. Lo scorso settembre Joanne Lee, 34 anni, e Steve Lumb, 35 anni, si erano incontrati on-line e si erano suicidati in un’auto riempita di vapori a Braintree, nell’Essex. Ancora a novembre due gemelle australiane si erano sparate a vicenda con delle pistole mentre si trovavano a Denver, negli Usa. Più recente è il caso di un duplice suicidio avvenuto a metà di febbraio a Rockhampton, cittadina australiana del Queensland, nel corso del quale sono morti una donna e il figlio adolescente in un garage pieno di gas.

Difficile è capire ciò che può portare due persone ad unirsi in un così tragico destino.

Assunta De Rosa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.