Strage ad Hanau: due sparatorie e 11 morti, il killer ritrovato morto in casa


Ancora una volta dobbiamo raccontare una strage, ancora una volta dobbiamo parlare della follia di un uomo che ha impugnato un’arma per uccidere altri uomini. Le ultime notizie arrivano dalla Germania dove poche ore fa sono state uccise 11 persone; sono morte in due sparatorie verificatesi in due diversi locali di Hanau, in Germania,  La strage è avvenuta in due locali frequentati da turchi e curdi. Altre cinque persone sono rimaste ferite in maniera gravissima.

Al momento la polizia tedesca è a lavoro per ricostruire quanto accaduto. Pare che il killer abbia sparato a bordo di una macchina. Sarebbe stato poi ritrovato morto in casa sua con al fianco un altro cadavere. Dalla Germania fanno inoltre sapere che una persona è stata arrestata.

I media tedeschi parlano di due diverse sparatorie: la prima in un locale, la seconda in strada con i colpi partiti da un’auto in corsa. I primi colpi sono stati sparati sparati a Kurt-Schumacher-Platz, una piazza centrale nel distretto di Kesselstadt. La polizia è intervenuta con numerosi uomini, isolando la zona. Nel primo locale avrebbe suonato il campanello, poi sarebbe entrato nell’area fumatori e avrebbe ricominciato a sparare alla cieca.

STRAGE HANAU ULTIME NOTIZIE: IL KILLER MORTO IN CASA SUA

 “Il probabile autore è stato trovato senza vita nella sua casa di Hanau”, ha segnalato su Twitter la polizia dell’Assia Sud-orientale. “Le forze speciali hanno anche scoperto un altro cadavere nello stesso luogo. L’inchiesta è in corso. Attualmente non ci sono indicazioni su altri responsabili” della strage, ha aggiunto la polizia. Hanau si trova nel land dell’Assia, a una ventina di chilometri da Francoforte.

Secondo quanto riferiscono i media tedeschi, il killer sarebbe un estremista di destra intenzione a sterminare i popoli non tedeschi. L’ipotesi arriva dopo il ritrovamento di un video e di una lettera nella casa del killer che ha ucciso poche ore fa almeno 10 persone. Su Bild si legge anche il nome del killer che si chiamerebbe Tobias e avrebbe parlato nelle sue lettere della necessità di espellere chi non ha origini tedesche dal paese. L’uomo avrebbe quindi preso di mira i luoghi frequentati dalla comunità turca.

Leggi altri articoli di Dal Mondo

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close