Bonus reddito di cittadinanza per chi si mette in proprio: importo, requisiti e domanda

Bonus reddito di cittadinanza per chi si mette in proprio: importo, requisiti e domanda

Ecco il bonus reddito di cittadinanza che arriva in soccorso di tutti coloro che, in tempi difficili come quelli che stiamo affrontando, decideranno di mettersi in proprio. Un incentivo mirato a determinate categorie di lavoratori, dunque, con l’obiettivo di fungere da sostegno per specifiche attività.

Grazie al bonus reddito di cittadinanza si potrà beneficiare di 6 mensilità di sussidio in tutti i casi in cui venga avviata una attività di lavoro autonomo, di impresa o una società cooperativa. Una sorta di “premio al coraggio”, dunque, per aiutare il decollo di attività in proprio. Ma a quanto ammonta il bonus reddito di cittadinanza? E ci sono requisiti specifici per poterne usufruire al di là di essere già titolari di Rdc? Di seguito potrete raccogliere tutte le informazioni utili per capire se avete tutte le carte in regola per richiedere questo importante bonus inserito dal Governo come incentivo per i titolari di partita Iva.

Bonus reddito di cittadinanza: importo e requisiti

Non c’è un importo fisso per l’erogazione di questo bonus. E’ previsto però che il massimo che si possa ottenere richiedendolo siano 4.680 euro ovvero 780 euro mensili. Ci sono però dei requisiti minimi che non possono mancare. Come prima cosa, occorre essere beneficiari del reddito di cittadinanza. Una prima scrematura dunque è rappresentata dall’avere diritto o meno a questo incentivo. Poi, ci sono altri requisiti richiesti direttamente dell’Inps:

  • i richiedenti devono far parte, al momento della presentazione della domanda, di un nucleo familiare beneficiario del reddito di cittadinanza in corso di erogazione
  • devono aver avviato, entro i primi 12 mesi di fruizione del sussidio, un’attività lavorativa autonoma o di impresa individuale o aver sottoscritto una quota di capitale sociale di una cooperativa, con rapporto mutualistico avente ad oggetto lo svolgimento di attività lavorativa da parte del socio
  • non devono aver terminato, nei 12 mesi precedenti la richiesta del bonus, un’attività lavorativa autonoma o di impresa individuale
  • non devono appartenere a nuclei familiari beneficiari di reddito di cittadinanza che abbiano già usufruito del bonus.

Bonus Rdc, come funziona

Il nuovo bonus Reddito di cittadinanza sarà corrisposto in una unica soluzione entro il secondo mese successivo a quello della domanda. Ma come richiederlo? Il decreto precisa che per usufruire del bonus occorre compilare il modello “Com Esteso”, allegato al decreto stesso. Non potranno richiedere il bonus coloro la cui attività è stata avviata nei mesi per i quali si era già fruito del Rdc.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.