C’era una volta la Juventus…


Un déjà-vu ormai divenuto una litania, per i tifosi bianconeri: siamo a Febbraio, e gli Obiettivi, quelli importanti, già svaniti, con la speranza di aggrapparsi a un quarto posto per scongiurare l’ennesimo fallimento. Hai voglia ad aggrapparti alla scusa della retrocessione : nello stesso anno c’era in B il Napoli, che vantava gente del calibro di Calaiò e Inacio Pià; i partenopei, con  Marino, sono riusciti a programmare un approdo graduale alla vetta.

La Juve del dopo Moggi,  affidatasi ai neofiti Blanc e Cobolli Gigli, no. E  anche la sfortuna che ti fa perdere Quagliarella e Buffon non merita di salire sul banco degli imputati: l’Inter senza Sneijder e Milito, il Milan senza Nesta e Pirlo sono lì. Affidare il proprio destino a un allenatore che con le big ha sempre fallito (a Roma ed Oporto lo maledicono ancora), e  al contrario in squadre di media caratura ha dato il massimo, non è stata una grande idea. Uniamo ciò ad un mercato da horror (i 60 milioni da spendere per i vari riscatti di Bonucci, Pepe, Martinez, Aquilani, il misterioso Traore e lo sciagurato Motta gridano vendetta), acuito dai pesanti rifiuti di giocatori come Borriello, che han preferito Trigoria a Torino e il risultato è bello che pronto: disfatta colossale contro il Lecce di Mesbah, Fabiano e Bertolacci. Si fermi lo scempio, si contatti un vero allenatore (Capello,come back!) e si torni a dare dignità a 14 milioni di tifosi stanchi di rodersi il fegato per gente che non lo merita.

Giovanni Paolino


Leggi altri articoli di News Sport

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close