E’ morto Diego Armando Maradona, le ultime notizie dall’Argentina

La notizia appena arrivata dall’Argentina che sta facendo il giro del mondo in questi istanti: è morto Diego Armando Maradona. Il campione amatissimo in tutto il mondo, si è spento poche ore fa. Sarebbe morto in seguito a un attacco cardiaco. A dare la notizia in diretta a Pomeriggio 5 anche Barbara d’urso, praticamente incredula. Secondo quanto si legge sui siti argentini, ci sarebbero state delle complicazioni post operatorie. Il campione argentino ha compiuto 60 anni. Secondo le ultime notizie, sarebbe morto oggi alle 13,20 nella sua villa. Era rientrato a casa da pochi giorni dopo l’operazione che aveva subito di recente. Si parla di problemi cardiaci e respiratori.

E’ MORTO DIEGO ARMANDO MARADONA: IL CAMPIONE ARGENTINO AVEVA 60 ANNI

La notizia è stata data dall’autorevole sito argentino Clarin. Ma si stenta davvero a credere che possa essere vero.

Sul sito si legge:

E’ un giorno è successo. Un giorno accadde l’inevitabile. È uno schiaffo emotivo e nazionale. Un colpo che riverbera a tutte le latitudini. Un impatto mondiale. Una notizia che segna un cardine nella storia. La frase che è stata scritta più volte ma che era stata dribblata dal destino fa ora parte della triste realtà: è morto Diego Armando Maradona.

Maradona era nella sua casa, Villa Fiorita, in compagnia di sua moglie. Le sue condizioni di salute si sarebbero aggravate improvvisamente questa mattina.

Qualche tempo fa avevano chiesto a Maradona che cosa avrebbe voluto che si scrivesse sulla sua lapide e lui aveva commentato: “Gracias por haber jugado al fútbol, gracias por haber jugado al fútbol, porque es el deporte que me dio más alegría, más libertad, es como tocar el cielo con las manos. Gracias a la pelota. Sí, pondría una lápida que diga: gracias a la pelota”. Grazie alla palla insomma, perchè senza il calcio la sua vita non sarebbe stata la stessa!

Sentito da Barbara d’urso, il giornalista Matteo Dotto precisa che Maradona non aveva il covid 19 ma che le sue condizioni post operazione si sono aggravate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.