Beppe Grillo: “Gli italiani indifferenti, altro che rivoluzione”

beppe grillo

In diverse aree del pianeta, la situazione politica e sociale è incandescente. In Algeria, Tunisia, Egitto e Albania, il popolo scende in piazza contro il governo per chiedere un cambiamento radicale. I cittadini sono stufi delle loro pseudo-democrazie, che hanno creato solamente disuguaglianza e fatto esplodere la corruzione. Morti, feriti, censure, arresti. La situazione è tragica, nei paesi sopra citati. Da una parte governi aggrappati al potere. Dall’altra cittadini desiderosi di una svolta a 360°, di una speranza di futuro.

E in Italia? Secondo Beppe Grillo, ciò che sta accadendo in queste aree del pianeta non è possibile nel nostro Paese. Perché? Nello stivale l’informazione è controllata, c’è il Vaticano, ci sono cittadini inetti, ci sono le mafie. “L’Italia sembra un castello pietrificato – scrive il comico sul proprio blog. – Un coniglio ipnotizzato dal serpente”.

“La nostra stabilità (immobilità?) – scrive ancora Beppe Grillo – assomiglia a quella di chi, cadendo nelle sabbie mobili, chiude gli occhi ed evita il più piccolo movimento per rallentare la sua fine. Non grida aiuto, non cerca appigli, semplicemente affonda. I motivi per spiegare questo comportamento ci sono. Così numerosi da riempire un’enciclopedia: l’invecchiamento della popolazione (gran parte degli italiani dovrebbe scendere in piazza con le badanti), la massoneria, le mafie, l’informazione sotto controllo e pilotata (sia a destra che a sinistra), l’occupazione americana con le sue cento basi, il Vaticano, la mancanza assoluta di una classe dirigente… Queste e altre ragioni non sono però sufficienti per giustificare l’indifferenza degli italiani“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.