Sandro Bondi pensa alle dimissioni


bondi dimissioni

Non è stato buttato giù dalla mozione di sfiducia presentata dall’opposizione. Ora, però, potrebbe decidere di farsi da parte lo stesso. O meglio, così sembrano avergli consigliato gli uomini vicini al capo del governo Silvio Berlusconi. Sandro Bondi potrebbe presto non essere il Ministro per i Beni e le Attività Culturali. E’ stato lui stesso a dichiararlo. Lo scopo? Ufficialmente, “quello di poter rafforzare il governo”.


‘In questi tre anni – ha dichiarato l’esponente del governo di centrodestra – ho potuto constatare che è molto difficilie creare le condizioni per un dialogo autentico con una parte della cultuira della sinistra, che e’ fanatizzata e intollerante. E’ un’anticultura insomma. Per me è stata una grande delusione” ha detto inoltre Sandro Bondi, il quale a proposizione della mozione di sfiducia nei suoi confronti ha aggiunto: ‘‘Ci sono stati molti imbarazzo anche tra coloro che hanno presentato la mozione, tra i banchi della sinistra. La mozione e’ stata un atto di disonestà politica che si è trasformata in una sonora sconfitta per Bersani, Fini e Casini, in una soddisfazione per me e una grande, ennesima vittoria per la maggioranza di governo”.


Leggi altri articoli di Politica

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close