Caso Ruby, Berlusconi tace sul rito immediato

caso ruby

Dopo che il gip Cristina Di Censo ha deciso per il rito immediato, accogliendo così la richiesta dei pm, Silvio Berlusconi si è trincerato nel silenzio. Oggi, in conferenza stampa, il capo del governo ha rifiutato domande sull’indagine che lo vede coinvolto per i reati di concussione e prostituzione minorile. Il presidente del consiglio si è fatto sfuggire una sola frase: “Non sono preoccupato”.

Sulla vera reazione del premier, ci sono solo indiscrezioni. Ecco cosa avrebbe detto Berlusconi ai suoi fedelissimi dopo aver saputo che sarà processato con rito immediato: “L’obiettivo è farmi fuori. Se mi dovessero impedire di difendermi e di poter governare allora sarà il popolo a ristabilire la verità. Io vado avanti, ho i numeri per andare avanti”. E ancora: “È una montatura infame. Solo un voto di sfiducia può farmi cadere, non quattro magistrati politicizzati che vogliono sovvertire il voto popolare”.

I ministri e i parlamentari del Pdl, intanto, fanno quadrato attorno al presidente del consiglio, ritenuto vittima di una persecuzione giudiziaria. “Berlusconi non deve dimettersi – ha detto Fabrizio Cicchitto – perché questo giudizio è solo un modo per cercare di farlo cadere per via giudiziaria dopo che l’assedio politico in Parlamento è miseramente fallito”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.