Precari in piazza: il nostro tempo è adesso


Il nostro tempo è adesso”. Questo lo slogan scelto per la grande manifestazione, anzi per le manifestazioni, che oggi  9 aprile 2011 si tengono in moltissime piazze italiane e non solo. Questa volta sono i precari a far sentire la propria voce. Con loro anche Cgil, Popolo Viola, I Verdi, Partito Democratico, Italia dei Valori,  i sindacati della scuola e tanti altri. Tutti a dire no al precariato.

A Roma la manifestazione è partita da Piazza della Repubblica e sta arrivando al Colosseo, ma sono migliaia i giovani in piazza anche a Milano, Firenze, Napoli, Torino, Palermo, e addirittura Washington e Bruxelles. Secondo Gianfranco Mascia del Popolo Viola l’obiettivo di oggi è protestare perché i ragazzi di oggi sono i primi per i quali l’articolo 1 della Costituzione viene disatteso.

Oltre 45 mila i laureati che ogni anno lasciano l’Italia per trovare migliori condizioni all’estero. Un danno per il nostro Paese che secondo l’Ocse si aggira intorno ai 6 milioni di dollari.

Ciò che chiedono i precari è un cambio radicale, dice Ilaria Lani, sindacalista tra i promotori della manifestazione. I governi che si sono succeduti non avrebbero saputo dare risposte concrete al problema, ed è ora di cominciare a farlo.


A Torino i manifestanti hanno letto un appello per il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, per chiedergli “un lavoro sicuro che possa consentire un’esistenza libera e dignitosa”. La precarietà dovrebbe essere eliminata dalla legislazione e si dovrebbe trovare il modo di garantire la pensione a chi per anni non ha goduto della copertura previdenziale, dice Bonelli dei Verdi, anche lui in piazza a Roma. Nichi Vendola parla di una generazione derubata del proprio futuro e approfondisce il tema della precarietà nel mondo del giornalismo, che si traduce in “ ricattabilità”.

Quando saremo assunti saremo già vecchi”, con questo slogan si sono presentati i precari, vincitori di concorsi pubblici e mai assunti.

Giuseppe Procida


Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close