Silvio Belusconi incassa il processo breve


È stato approvato. Il processo breve ha ottenuto la fiducia della Camera con 314 voti favorevoli e 296 contrari. I ritmi serrati imposti dalla maggioranza, si è votato ieri sera intorno alle 20, hanno portato al risultato tanto atteso. Il provvedimento passa ora al Senato, dove però i numeri non sono così in bilico come a Montecitorio (al punto che i ministri sono dovuti restare in aula per votare).

Escono sconfitte, ma con onore, le opposizioni che le hanno provate tutte per rimandare il più possibile l’approvazione del ddl. Discussioni sul processo verbale, lettura della Costituzione, utilizzo di tutte le manovre che il regolamento consente pur di ritardare la votazione.

Inutile dire che si tratta dell’ennesima legge ad personam per il Premier. Alfano ha detto in aula che andrebbe ad incidere su una percentuale minima di processi, appena lo 0,2 per cento. Ma allora perché proporla e con tanta urgenza, al punto da costringere a lavorare anche di notte? È quello che ha chiesto Pierferdinando Casini.


All’approvazione del processo breve, o prescrizione breve, l’Idv ha esposto dei cartelli per ricordare i processi che potrebbero andare in prescrizione prima che si giunga a sentenza grazie a questa legge. “Rogo Tyssen, nessuna giustizia”, “Crac Parmalat, nessuna giustizia”, “Santa Rita, nessuna giustizia”, sono alcuni dei cartelli esposti.

Ma perché questa norma urge in maniera cosi importante al Presidente del Consiglio? Semplice. Qualora andasse in vigore (come è probabile) il processo Mills otterrebbe la prescrizione già prima dell’estate. Di norma dovrebbe scattare a fine anno e ci sarebbe, così, il tempo di giungere a una sentenza di primo grado. In caso di condanna, non sarebbe una buona pubblicità.

Giuseppe Procida


Leggi altri articoli di Politica

2 commenti su “Silvio Belusconi incassa il processo breve”

  1. 16 Maggio 2011

    Enjoyed reading this, very good stuff, thanks .

    • lupo
      27 Maggio 2011

      napolitano, firmi la legge del processo breve,non c’e niente di incostituzionale,non faccia una questione personale

    Commenta l'articolo


    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Riscontrata interferenza con Ad Blocker

    Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

    Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

    Grazie per il supporto, buona lettura!

    Close