Elezioni Milano 2011, Moratti: “Pisapia è un ladro”

Elezioni Milano 2011-Durante un faccia a faccia televisivo andato in onda su Sky-TG24, Letizia  Moratti ha detto al suo rivale Pisapia: “comunque tu sei stato condannato per avere rubato un’auto che è servita poi per un pestaggio”; la clamorosa rivelazione proprio alla conclusione del confronto, quando ormai non c’era più tempo per replicare: il candidato del centro-sinistra Giuliano Pisapia ha fatto appena in tempo a mormorare “questo è falso, è una calunnia!”, dopodichè il conduttore Emilio Carelli chiudeva la trasmissione.  La Moratti, nella frase avvelenata lanciata a Pisapia specificava che la condanna è stata poi “amnistiata”.  Nel battibecco seguito subito dopo, Pisapia ha corretto la Moratti, precisando di essere stato assolto con formula piena per non avere commesso il fatto, e questa, al momento , sembra essere la verità, come riportata da alcune fonti giornalistiche che si sono premurate di andare a controllare.  Da segnalare il fatto che Pisapia, mentre la Moratti gli tendeva la mano, si è rifiutato di stringergliela, continuando a ripetere: “è falso, io ti querelo!” .

Fa discutere, oltre al contenuto dell’accusa, anche il fatto che la Moratti abbia estratto questo “asso” dal cilindro proprio all’ultimo istante della trasmissione, impedendo quindi, di fatto, ogni possibilità di replica all’avversario.  Questo avvenimento non è certo definibile come un atto casuale, ma rientra nel clima politico avvelenato che si respira in Italia ormai da anni. Gli scontri sono sempre senza esclusione di colpi e non si limitano più soltanto ai periodi elettorali ma proseguono lungo tutto l’arco dell’anno, perfino sotto l’ombrellone. Si ricorderà il Presidente della Camera Gianfranco Fini, la scorsa estate, che, mentre girava in costume per la spiaggia di Ansedonia, veniva filmato e fotografato da parecchi fotografi e giornalisti, con tentativi di interviste a lui ed alla famiglia, in merito alla famosa vicenda della “casa di Montecarlo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.