G8, Silvio Berlusconi regala all’Italia un’altra figuraccia

 

da www.newspedia.it

È partito il 26 maggio a Deauville, in Francia, il G8 del 2011, che si protarrà per soli due giorni, nonostante i numerosi argomenti posti sul tavolo del summit. Nel primo giorno di incontri, i rappresentanti dei grandi stati, Stati Uniti, Gran Bretagna, Canada, Francia, Italia, Giappone, Germania, Russia, si incontrano per fare il punto sulla situazione nel mondo e anche sull’economia, provando a prendere accordi che vadano bene per tutti i partecipanti.

A sconvolgere l’Italia ci pensa il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, che, con poca grazia avvicina il presidente americano per pronunciare alcune parole, spiegando in poche frasi, la situazione politica italiana, “ormai ben nota nel mondo”. Il Cavaliere ha affermato che nel suo paese, sta combattendo una lotta contro i comunisti che si sono accaparrati la giustizia e si muovono attraverso le toghe italiane. Per modificare questo stato di cose è essenziale eliminare tutti i dissidenti che si oppongono alla democrazia ed è per questo che in Italia si sta varando una riforma della giustizia. Quanto questo possa interessare al Presidente americano, se lo sono chiesti in molti, ma nessuno ha trovato una risposta adeguata.

Chi invece non accetta accuse del genere è l’Associazione Nazionali Magistrati che è subito intervenuta per mezzo del suo presidente Luca Palamara che ha condannato che “denigrazioni” del genere siano avvenute all’estero, con rappresentanti del mondo politico internazionali e durante un summit così impegnativo e importante come il G8. Resta inaccettabile degradare un’istituzione importante quale la Magistratura di un paese.

Reazione nel mondo politico si sono subito avute da parte della sinistra per cui non è ammissibile un atteggiamento del genere da parte del capo del Governo. Tutti concordano che ormai Berlusconi getta solo scredito sugli italiani e sui suoi organi di vigilanza, quale sono i Magistrati che amministrano, per lo Stato, la Giustizia.

Condanna sugli atteggiamenti del modo di fare politica anche dal mondo cattolico. Il Cardinale Bagnasco ha invitato, ancora una volta, a moderare i toni della discussione politica che sta mantenendo il paese in continuo allarme, non solo all’estero, ma anche e soprattutto per ciò che riguarda la politica interna. Il Cardinale ha soprattutto invitato i giovani a provare a interessarsi di politica, sperimentando questo ruolo e facendosi coinvolgere in una più sana partecipazione alla vita del paese, sicuramente non seguendo gli esempi dei politici attuali.

Tutto questo accadeva mentre Nicolas Sarkozy e Angela Merkel guardavano attoniti Berlusconi che aveva lasciato il proprio posto per andare a parlare con il presidente Obama, ritardando di qualche minuto l’inizio dei lavori.

Le parole che si sono scambiati i due, sono state lette da un tecnico labiale perché, naturalmente, nessuno era vicino ai due, ad esclusione dell’interprete di Berlusconi.

TC

2 responses to “G8, Silvio Berlusconi regala all’Italia un’altra figuraccia

  1. obama:”caro silvio altro che dittatura delle toghe di sinistra,se stavi nel mio paese con le tue scappatelle avrest fatto la fine di quel direttore di banca il cui avo componeva valzer-Berlusconi:” ma io alle donne non chiedo mica l’eta’…” trascrione colloquio

  2. a volte mi chiedo cosa abbiamo fatto per meritarci una punizione cosi brutta?quale?avere un premier bordellaro imbroglione truffardino bugiardo e bambino.è andato a dire ad obama che siamo in dittatura!ma ci pensate?lui che ha fatto tutto cio che ha voluto per 17 annidi politica?immorale truffardino bugiardo,ha portato litalia allo sfracello!quando usciremo mai da quest incubo…berlusconiiiii

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.