Daniela Melchiorre si dimette, è crisi?

Prime ripercussioni sulle dichiarazioni del presidente del Consiglio Silvio Berlusconi a Obama durante il G8. Il sottosegretario allo Sviluppo economico, Daniela Melchiorre, ha presentato le sue dimissioni direttamente a Berlusconi.

La presidente dei Liberaldemocratici, ha motivato le sue dimissioni con molta franchezza. Dopo le dichiarazioni del Presidente Berlusconi fatte durante il G8 e le accuse dirette alla Magistratura italiana, la Melchiorre non ha intenzione di appoggiare un Governa che fa solamente della propaganda personale. Difendersi in questo modo, al di là delle aule di tribunale e in un summit internazionale, dove le esigenze sono ben altre che quelle personali di un solo rappresentante, è davvero una cosa insostenibile.

È questo, più o meno, il sunto della lettera che la presidente dei Liberaldemocratici ha inviato come spiegazione della sua rinuncia all’incarico, peraltro ancora non effettivamente assunto.

Una presa di posizione dura ma precisa che comincia a far intravede le crepe dell’odierno Governo, soprattutto dopo i continui attacchi che il Presidente Berlusconi sta facendo all’organo di Giustizia, denigrando continuamente il lavoro dei magistrati e ridicolizzandoli, oltre che minando la loro reputazione.

Una vera e propria guerra ai magistrati che, invece, continuano inesorabili il loro lavoro e le loro inchieste, anche a fronte delle continue denunce e dichiarazioni che giungono in pretura. Non bisogna nemmeno dimenticare che molti processi potrebbero trovare la fine grazie a continui decreti salvapremier che il Governo sta approvando.

Eppure i problemi principali non possono essere le magagne di un solo uomo. C’è l’economia che non decolla, la povertà dei cittadini lavoratori italiani che aumenta inesorabilmente, ci sono famiglie che non riescono ad arrivare a fine mese, anziani che sopravvivono con pensioni minime. C’è la scuola che va letteralmente a pezzi, ci sono servizi che non vengono erogati, le mafie che grazie alla crisi e all’inadempienza del Governo, si arricchiscono e prendono potere, perché riescono a risolvere problemi che lo Stato non è in condizione di affrontare.

E noi qui, immobili ad osservare il nostro presidente del Consiglio che al G8, invece di occuparsi di crisi, guerre, giustizia verso gli oppressi, terrorismo, si preoccupa di difendere sé stesso dinanzi all’opinione dei suoi colleghi. Ma sicuramente si dimentica che, nella recente storia, i colleghi suoi, per molto meno, si sono dimessi e non dopo mesi o anni, ma immediatamente!

TC

One response to “Daniela Melchiorre si dimette, è crisi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.