Elezioni politiche: si vota il 24 febbraio

Probabilmente le elezioni politiche avranno luogo il 24 febbraio prossimo. Il capo dello Stato Giorgio Napolitano ha fatto sapere in una nota che ritiene che sia la data più idonea. Napolitano lo fa sapere dopo aver ricevuto una lettera del ministro degli Interni, Anna Maria Cancellieri, in cui veniva spiegato che sarebbe preferibile spostare le elezioni a fine febbraio, «pur essendo la macchina organizzativa pronta per lo scioglimento delle elezioni il 17 febbraio», il tutto per rendere più agevole la procedura. Il capo dello Stato, secondo Costituzione, ha prerogativa esclusiva di indire le elezioni politiche. Ha quindi raccolto l’invito del ministro, prendendo atto delle sue valutazioni in merito alla «complessità e delicatezza degli adempimenti tecnici connessi al voto degli italiani all’estero». Dunque le elezioni saranno rinviate di una settimana rispetto al 17 febbraio, data comunicata in un primo momento. Si tratta di un “rinvio tecnico” indispensabile anche per quanto riguarda i tempi necessari per assicurare il diritto di voto dei nostri connazionali all’estero, che ha indotto il Colle ad accettare la proposta governativa per un leggero spostamento di data.

Anche il Pd e il Pdl sono d’accordo alle elezioni il 24 febbraio. Napolitano ha comunque fatto sapere di non assecondare ulteriori tattiche dilatorie né di accettare rinvii che possano favorire una campagna elettorale troppo lunga.

Su questo punto Napolitano è stato chiarissimo: una frecciatina a Silvio Berlusconi, che ha già fatto capire di aver bisogno di un po’ di tempo per rimettere in forze il suo partito, per scendere nuovamente in campo.Ma Napolitano ammonisce: «E’ interesse del Paese evitare un prolungamento di siffatta condizione d’incertezza istituzionale».

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.