Ricette pasquali: Pizza di Pasqua di Civitavecchia

La “Pizza di Pasqua” è una delle ricette tipiche di questo periodo. Ad incuriosirci oggi è come viene fatto a Civitavecchia questo dolce, che ha una lunga storia, raccontata anche dai poeti dialettali. Questi infatti ne tramandano in versi la modalità di preparazione del passato. Innanzitutto bisognava prestare molta attenzione agli ingredienti, i quali dovevano essere preparati con cura il giorno prima. Inoltre il momento della lievitazione era un vero e proprio rito: la pasta veniva adagiata sul letto, sotto coperte di lana pesanti, e le donne la controllavano e scaldavano le coperte con un ferro caldo, affinchè la temperatura non si abbassasse. Una fatica non da poco! Una volta pronta, la Pizza veniva servita nell’ora ”de la sciorta della Gloria”, insieme al salame, le uova sode, la coratella e i carciofi. Il tutto non poteva che essere accompagnato da un buon bicchiere di vino. Ed ecco pronta la colazione pasquale!

Per chi di voi volesse cimentarsi in questa ricetta tipica, ecco di seguito gli ingredienti e le modalità di preparazione.

Ingredienti:

1 kg di zucchero 
- 500 gr di pasta di pane 
- 30 gr di cannella 
- 250 gr di burro 
- 20 gr di lievito di birra 
- 25 gr di anice 
- 500 gr di ricotta 
- 2 kg di farina 
- 5 uova 
- 1 bicchierino Alkermens 
- 1 bicchiere latte 
- 1/4 l di Vermouth 
- un pizzico di sale

Preparazione:

Iniziate mettendo a bagno l’anice nel vermouth per circa 12 ore. Amalgamate poi la pasta del pane con la ricotta. In seguito aggiungete alla pasta il lievito di birra sciolto con il latte. Poi, sparpagliate un po’ di farina sul tavolo a fontana, e posizionate l’impasto al centro. Successivamente battete le uova con lo zucchero, sciogliete il burro a bagno maria, e poi unite tutto con l’impasto. Quest’ultimo andrà lavorato con molta energia fino a che non sarà raccolta tutta la farina. A questo punto la pasta deve riposare per 2 ore, al termine delle quali va tagliata in pezzi e messa nei testi. Quest’ultimi devono essere poi coperti, e l’impasto deve riposare in un posto caldo per 24 ore. Bisogna poi pennellare la pizza con un uovo sbattuto, e infornare il composto nel forno a 220 di temperatura, dove dovrà rimanere per circa un’ora. E dopo… BUON APPETITO!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.