Grande dilemma in cucina: il riso va sciacquato dopo la cottura oppure no

Grande dilemma  in cucina il riso si lava oppure no. Sono in molti a consigliare di farlo ma altri invece rigorosamente dicono di no perché altrimenti potrebbe sfarinarsi ma questo dipende sicuramente dalla qualità di riso che usiamo! Il consiglio nostro è quello di sciacquarlo sempre così l’amido in eccesso va via e risulta essere più digeribile. Oltre al fatto che sciacquarlo ferma la cottura e non lo fa scuocere. Vediamo insieme quali sono i metodi più conosciuti per cuocere il riso. La Bollitura è uno dei metodi più comuni di cottura del riso, è preferibile scegliere un riso di buona qualità ed abbastanza fresco per garantire la buona riuscita di un piatto.

Dovrete riempire una pentola con l’ acqua e portarla sul fuoco, il quantitativo d’acqua necessario alla cottura del riso dipende dalla ricetta, ad esempio per lessare il riso sono necessari 0,5 l d’acqua ogni 100 g,per cucinare un risotto 1,5 l d’acqua o di brodo ogni 400 g.

Anche il caffè nel mirino dell’OMS clicca qui

Quando il riso sarà cotto, scolatelo ed arrestate la cottura facendo scorrere su di esso dell’ acqua corrente. Cottura al vapore questa tipologia di cottura è particolarmente apprezzata nei paesi orientali per la preparazione di insalate, inoltre consente di mantenere quasi inalterate le proprietà nutrizionali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.