Allarme rosso l’OMS dopo le carni rosse nega anche il caffè

Tra le sostanze sotto controllo non ci sono solo le carni, ma adesso anche il caffè come anche tutte le bevande calde. L’agenzia dell’Oms per la ricerca sul cancro sta facendo dei controlli sulle sostanze chimiche usate nell’industria. Di questo se ne parlerà, al meeting previsto nella settimana del 2 febbraio 2016 e riguarderà un elenco preliminare di sette molecole tra cui una della classe dei bisfenoli, la dimetilformammide (uno solvente molto diffuso usato nelle reazioni chimiche) e l’idrazina, che viene utilizzato anche come propellente per alcuni tipi di razzi. Ma possibile che tutto sta diventando cancerogeno e pericoloso per la nostra salute?

Il tema del caffè e delle bevande molto calde,verrà affrontato da un gruppo di esperti dell’Iarc tra il 24 e il 31 maggio 2016. Molti sanno che il caffè contiene anche la caffeina, un alcaloide molto simile a quello contenuto nel cacao (teobromina) e a quello contenuto nel tè (teofillina).

La farina per fare il pane fa molto male clicca qui

Essa agisce a livello del Sistema Nervoso Centrale (SNC), gastrico e cardiovascolare stimolandoli. Ovviamente in piccole dosi può migliorare la concentrazione e l’efficienza così come dosi eccessive, al contrario, possono procurare effetti collaterali quali nausea, irrequietezza, insonnia, etc. In soggetti predisposti o con patologie l’azione cardiostimolante del caffè può procurare aritmie, tachicardie oppure influenzare la pressione arteriosa.

Continua a leggere cosa può accadere se bevi caffè

3 responses to “Allarme rosso l’OMS dopo le carni rosse nega anche il caffè

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.