Cicerchiata di Carnevale: la ricetta da Domenica In di Cirilli, senza disastri (Foto)

La ricetta della cicerchiata di Carnevale suggerita da Gabriele Cirilli nella puntata di oggi di Domenica In. La cicerchiata è uno dei dolci classici di Carnevale, peccato che Cirilli abbia fatto un vero disastro nello studio di Domenica In. La ricetta della cicerchiata è quella giusta ma la preparazione del comico è davvero pessima, per non parlare della sfoglia. Non si tira certo la sfoglia per fare i dadini, le palline golose, gli struffoli, o come volete chiamarli, della cicerchiata. Che strano momento a Domenica In, bastava un po’ di attenzione in più e sarebbe stato un momento goloso. In basso però la ricetta senza disastri, con le dosi degli ingredienti dati a Domenica In. 

RICETTE DI CARNEVALE – LA RICETTA DELLA CICERCHIATA DI DOMENICA IN

Ingredienti: li trovate nelle foto in basso

Preparazione: nella ciotola rompiamo le uova intere, aggiungiamo lo zucchero, mescoliamo e uniamo l’olio di semi o olio evo delicato, il liquore oppure del vino bianco (se vogliamo sostituiamo con altro se ci sono dei bambini), la scorza di limone e di arancia bio, mescoliamo e aggiungiamo un pochino di sale. Aggiungiamo la farina un po’ alla volta e mescoliamo il tutto, impastiamo e completiamo il lavoro sul tavolo leggermente infarinato. Dobbiamo ottenere un impasto liscio e omogeneo. Possiamo lavorare con le mani o nella planetaria.

Secondo Cirilli dovremmo tirare la sfoglia sottile ma non è così perché dall’impasto dobbiamo ricavare dei filoncini che tagliamo a dadini. Friggiamo i dadini tutti più o meno uguali in olio di semi profondo e ben caldo. Facciamo ben dorare e scoliamo su carta da cucina per eliminare l’unto in eccesso. 

Nella pentola versiamo il miele e il liquore, mescoliamo e facciamo sciogliere, versiamo i dadini di pasta fritti e amalgamiamo con cura. Versiamo nel vassoio e con l’aiuto di mezzo limone diamo la forma della cicerchiata. Completiamo con gli zuccherini colorati, se vogliamo possiamo aggiungere nella pentola anche delle mandorle o altra frutta secca. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.