Gian Piero Fava vince con gnocchi alla romana verdi a La prova del cuoco 23 novembre 2017

La ricetta degli gnocchi di semolino, gli gnocchi alla romana di Gian Piero Fava a La prova del cuoco di oggi 23 novembre 2017. Ottime ricette dei cuochi de La prova del cuoco come sempre e il primo round del giorno è sul tema gnocchi di semolino, uno contro l’altra Francesca Marsetti e Gian Piero Fava. Dopo l’assaggio di Antonella Clerici la vittoria va a Fava anche se il pomodoro crudo non è stata molto apprezzato, ottima invece l’idea di aggiungere gli spinaci al semolino cotto per ottenere gli gnocchi verdi e anche più golosi. Ecco tra le ricette La prova del cuoco di oggi 23 novembre 2017 la ricetta per fare gli gnocchi alla romana agli spinaci e pomodoro di Gian Piero Fava. Non perdete però anche la ricetta degli gnocchi con speck e formaggio di Francesca Marsetti.

Gnocchi alla romana agli spinaci con pomodoro da La prova del cuoco

Ingredienti gnocchi verdi La prova del cuoco: 1 l di latte intero, 300 g di semolino, 300 g di spinaci, 100 g di burro, 80 g di formaggio grattugiato, 2 tuorli, 300 g di provola affumicata, 2 pomodori ramati, basilico, salvia, olio di oliva, sale e pepe

Preparazione gnocchi di semolino La prova del cuoco: In un litro di latte bollente con un po’ di burro e sale versiamo circa 300 g di semolino, mescoliamo facciamo addensare. In padella saltiamo gli spinaci con burro, sale e pepe e poi frulliamo. Aggiungiamo al semolino cotto gli spinaci frullati, il formaggio grattugiato, amalgamiamo bene e versiamo nella teglia da forno, livelliamo e facciamo raffreddare. Coppiamo e otteniamo gli gnocchi romani ben spessi che disponiamo nella teglia. Spennelliamo sopra il burro fuso e aggiungiamo il formaggio grattugiato. Mettiamo in forno. Completiamo con dadini di pomodoro a cui abbiamo tolto la pelle e condito, aggiungiamo la provola e mettiamo in forno qualche altro minuto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.