La ricetta Geo degli gnudi di ricotta e radicchio fatti da Diego Scaramuzza

Gli gnudi di Geo fatti con la ricotta e il radicchio sono una ricetta di Diego Scaramuzza, non un primo piatto semplice solo perché per fare gli gnudi perfetti ci vuole molta attenzione, il rischio è quello di sbriciolarli in cottura. Con la ricetta degli gnudi Geo di Scaramuzza abbiamo un composto perfetto a cui possiamo magari aggiungere la mollica di pane. Il condimento è semplicissimo, la cottura è veloce, basta davvero solo un po’ di delicatezza. Ecco la ricetta di Scaramuzza per gli gnudi di ricotta.

LA RICETTA DI DIEGO SCARAMUZZA DEGLI GNUDI FATTI CON RICOTTA E RADICCHIO

Ingredienti: 100 g radicchio di Chioggia stufato, 1 palla di radicchio di Chioggia, 200 g ricotta, ½ albume d’uovo, qb mollica di pane grattugiata, qb noci, qb aceto bianco, qb burro, sale, pepe

Preparazione: facciamo subito stufare in padella il radicchio che abbiamo lavato e tagliato a listarelle, lo stufiamo con un filo di olio ma possiamo anche aggiungere se volgiamo lo scalogno tritato molto fine. Facciamo appassire il radicchio in padella e lo facciamo asciugare bene, facciamo poi raffreddare del tutto.

In una ciotola versiamo la ricotta, anche questa deve essere bene asciutta, aggiungiamo l’albume e lavoriamo, uniamo il radicchio stufato e raffreddato e anche tritato al coltello, mescoliamo. Se necessario aggiungiamo la mollica di pane ben sbriciolata, così il composto sarà denso al punto giusto. Saliamo e pepiamo, facciamo riposare alcuni minuti il tutto. Intanto in padella mettiamo il radicchio sottilissimo e saltiamo con olio, sale e pepe, sfumiamo con aceto e uniamo le noci.

Formiamo gli gnudi con l’aiuto di due cucchiai e cuociamo in acqua calda e salata, pochi minuti e scoliamo con delicatezza, ripassiamo in padella con burro e noci a pezzetti.  Serviamo gli gnudi su radicchio rosso rosolato e condito con un filo di olio e pepe.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.