Paccheri gratinati di Ivano Ricchebono dalle ricette E’ sempre mezzogiorno

Che golosa la ricetta dei paccheri gratinati di Ivano Ricchebono vista oggi 16 novembre 2020 a E’ sempre mezzogiorno. E’ il primo piatto buonissimo della puntata del lunedì di Antonella Clerici. Ivano propone i paccheri gratinati con ragù, besciamella e formaggio grattugiato ma aggiunge alla fine anche il pesto e diventa così davvero un piatto di pasta molto ricco. Evelina Flachi suggerisce che questi paccheri gratinati E’ sempre mezzogiorno sono un piatto unico, non si mangia altro dopo. Ecco la ricetta di oggi dei paccheri al forno di Ivano Ricchebono.

LA RICETTA DI IVANO RICCHEBONO DEI PACCHERI GRATINATI PER E’ SEMPRE MEZZOGIORNO

Ingredienti: li troviamo nelle foto in basso

Preparazione: facciamo il soffritto con un po’ di olio di oliva, carota, sedano e cipolla tagliati a dadini piccoli. Aggiungiamo la carne macinata di vitellone, facciamo soffriggere e aggiungiamo il vino rosso, facciamo sfumare bene. Solo dopo versiamo la salsa di pomodoro, magari anche il concentrato di pomodoro va bene. Facciamo cuocere due ore minimo, saliamo ma se usiamo il concentrato facciamo attenzione.

Facciamo la besciamella: prepariamo prima il roux con burro e farina, mescoliamo sempre con la frusta e quando si rassoda aggiungiamo il latte caldo, ma possiamo farlo anche con il latte freddo, lo aggiungiamo però un po’ alla volta sempre mescolando.

Cuociamo i paccheri in acqua bollente e salata, scoliamo molto al dente. 

Nella teglia versiamo un filo di olio, un po’ di besciamella, un po’ di ragù e adesso i paccheri, mescoliamo un po’ nella teglia ma magari condiamo un po’ anche i paccheri con il ragù prima di versarli nella teglia. Procediamo con gli strati, quindi besciamella, ragù fino a terminare gli ingredienti. 
Alla fine aggiungiamo il formaggio grattugiato e l’uovo alla besciamella rimasta, mescoliamo bene e versiamo sulla pasta. Completiamo con altro formaggio grattugiato e mettiamo in forno a 200 gradi per minimo 15 minuti. Togliamo dal forno e se vogliamo aggiungiamo anche il pesto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.