La ricetta della focaccia barese con Fulvio Marino e Antonella Clerici, un’altra golosa diretta

Che meraviglia la ricetta di Fulvio Marino in diretta con Antonella Clerici, la ricetta della focaccia barese. Una golosità dopo l’altra l’esperto in farine e impasti ci delizia con i suoi consigli tra ingredienti perfetti e dosi giuste. Dopo i biscotti, i ciambelloni, le pizze, i panini e tanto altro Fulvio marino in diretta su Instagram con Antonella Clerici ci fa davvero venire voglia di impastare la focaccia barese. E’ una delle classiche ricette della Puglia, una focaccia che possiamo anche farcire con la mortadella, lui aggiunge anche la mozzarella. Una vera golosità per tutti. Non perdete le altre ricette di Fulvio Marino su Instagram e i preziosi consigli sul suo profilo social. 

LA RICETTA DELLA FOCACCIA BARESE DI FULVIO MARINO IN DIRETTA CON ANTONELLA CLERICI

Ingredienti: 350 g di farina 0 bio, 250 g di semola bio, 1 patate lessa di circa 150 g, 20 g di olio di oliva forte pugliese, 350 g di acqua, 12 g di lievito di birra (oppure 4 g di lievito di birra secco), 5 g di zucchero, 10 g di sale fino, origano, olive, 700 g di pomodorini

Preparazione: impastiamo la farina con 300 g di acqua, il lievito e lo zucchero per alcuni minuti. Schiacciamo la patata lessa e la aggiungiamo all’impasto. Lavoriamo il tutto e poi uniamo il sale e il resto dell’acqua, gli altri 50 g. Otteniamo un impasto liscio, alla fine aggiungiamo l’olio a filo e facciamo assorbire lentamente impastando. Facciamo riposare a temperatura ambiente per circa 40 minuti o fino a quando aumenta del 50% il suo volume iniziale. 

Dividiamo l’impasto a metà e facciamo due palline che lasciamo riposare sulla teglia rotonda già ben unta con abbondate olio. Facciamo riposare per 20 minuti e poi stendiamo con le mani su tutta la teglia. 

Condiamo la focaccia con pomodorini aperti a mano, olive e abbondante origano. facciamo riposare 20 minuti e accendiamo il forno statico a 250 gradi. Mettiamo in foro per 25 minuti circa. Possiamo poi anche farcire con la mortadella e la mozzarella. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.