Da Geo la ricetta del baccalà alla romana

Daniele De Michele (detto Don Pasta), esperto di cucina popolare, è stato protagonista della puntata di Geo in onda il 20 gennaio 2021. Nella cucina del programma di Rai 3, sempre molto seguito dal pubblico ( con picchi di quasi 2 milioni di spettatori) Daniele ha suggerito diversi modi per preparare il baccalà. Abbiamo preso appunti per voi e abbiamo deciso di suggerirvi la ricetta del baccalà alla romana, preparato nella cucina di Geo da De Michele.

Che ne dite di preparare in casa questo baccalà in pastella? Se siete stati a Roma, di certo lo avrete assaggiato, essendo davvero uno sfizio tipico da mangiare a volte anche prima della pizza insieme a un buon supplì!

Non ci resta quindi che prendere appunti per preparare questa ricetta.

BACCALÀ ALLA ROMANA LA RICETTA DA GEO

Iniziamo con la lista degli ingredienti; per 4 persone ci servono: 300 g di filetto di baccalà dissalato, 100 g di farina 0, qb birra chiara, abbondante olio evo per friggere.

Preparazione

Preparate il baccalà: spellatelo e privatelo delle spine, quindi asciugatelo per bene. Quindi si preparate una pastella con la farina setacciata e la birra (c’è di chi mette l’acqua frizzante, o il bicarbonato). Per addensare la pastella quindi occorre lavorarla con una forchetta per eliminare eventuali grumi, mai con la frusta del robot da cucina, che cuoce la farina. Per aderire bene al baccalà, la pastella non deve essere troppo liquida, ma neanche eccessivamente densa, per evitare un rivestimento che in cottura diventi troppo pesante e duro. Una volta pronta, copritela e lasciatela riposare per un’ora. Nel mentre, tagliate il baccalà a filetti, che poi immergerete uno ad uno nella pastella, facendo attenzione che li avvolga da ogni parte, e poi in olio caldo per la cottura. Attenzione: l’olio non deve essere troppo bollente perché altrimenti si brucia la pastella e non si cuoce il pesce. Se ne fanno pochi alla volta. Una volta dorati, prelevate i filetti di baccalà con la ragnatela dall’olio e adagiateli su carta assorbente di modo da eliminare l’olio in eccesso. Con la stessa pastella, si possono fare i classici fritti romani, come con i broccoli, le zucchine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.