La prova del cuoco, David Povedilla torna con la corona salata dei Re Magi

Tra le ricette La prova del cuoco di oggi 4 gennaio 2018 la ricetta della corona salata dei Re Magi di David Povedilla, la ricetta salata per la Befana. Torna a La prova del cuoco il simpaticissimo Povedilla e torna con una delle ricette per l’Epifania, la ricetta della corona dei Re Magi, una preparazione fatta con salmone, piselli, carote, uova, cavolo cappuccio e passaggi da seguire. La ricetta della corona dei Re Magi di oggi 4 gennaio 2018 a La prova del cuoco è una delle ricette che il cuoco spagnolo ci mostra tra canzoni e allegria per chiudere con originalità e golosità le feste di Natale. Ecco come Povedilla fa la sua torta con il salmone per la Befana a La prova del cuoco.

Corona salata dei Re Magi di David Povedilla La prova del cuoco 4 gennaio

Ingredienti corona salata di Povedilla: 750 g di salmone fresco, 6 foglie di cavolo cappuccio, 150 g di piselli, 100 g di carote, 250 ml di panna fresca, 4 uova, sale, pepe, 250 g di salsa di pomodoro – 100 g di salmone affumicato a fette, peperoni rossi sott’olio, maionese leggera, aneto fresco e capperi sotto sale

Preparazione torta salata di Povedilla per la Befana: in pentola sbollentiamo le carote a fette, i piselli e le foglie intere di cavolo cappuccio, facciamo raffreddare. In una ciotola mescoliamo le carote, i piselli, 400 g di salmone a cubetti, sale e pepe. A parte sbattiamo 4 uova con un po’ di sale e mettiamo nel mixer, aggiungiamo il salmone fresco a pezzetti (400 g) e frulliamo, uniamo un 250 g di salsa di pomodoro, aneto e 250 g di panna, frulliamo ancora e teniamo da parte. Foderiamo lo stampo per ciambella da 26 cm di diametro con le foglie di cavolo cappuccio sbollentate velocemente e farciamo con la crema frullata, con piselli, salmone e carote e ancora crema, chiudiamo con le foglie di cappuccio. Cuociamo a bagnomaria per mezz’ora a 170 gradi per 30 minuti. Facciamo raffreddare. Capovolgiamo e completiamo con fettine di salmone affumicato, peperoni, maionese leggera, capperi e aneto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.