Ricette La prova del cuoco, cestini di arance capesante e gamberi di Hiro Shoda

La ricetta dei cestini di arance con capesante e gamberi di Hiro Shoda è una delle ricette di oggi 27 dicembre 2016 La prova del cuoco. Un secondo piatto a base di pesce per Capodanno, una delle ricette di oggi La prova del cuoco da copiare a da cui prendere spunto. Come sempre lo chef giapponese de La prova del cuoco unisce la sua tradizione con la cucina italiana e il risultato è davvero delizioso. Capesante e gamberi ed è una ricetta originale e raffinata ma davvero facile e veloce da eseguire. Ecco per le ricette di Capodanno 2016/2017, per i piatti portafortuna i cestini di arance con capesante e gamberi da La prova del cuoco del martedì, una delle ricette più originali di questa edizione.

Altre ricette La prova del cuoco di oggi, clicca qui

Cestini di arance con capesante e gamberi

Ingredienti: li trovate nella foto in basso

Preparazione: tagliamo le estremità dell’arancia e tagliamo a metà l’arancia. Con un coltellino incidiamo senza arrivare fino in fondo la polpa dell’arancia e scaviamo lasciando dei cestini di scorza d’arancia. Scaldiamo bene un filo di olio in padella e scottiamo le capesante, il frutto. In un’altra padella un filo di olio e scottiamo i gamberi sgusciati. Tagliamo a pezzi e mariniamo con succo di arancia e di limone, olive taggiasche a pezzetti, finocchi a fette, olio di oliva, sale, pepe rosa in grani e mescoliamo, facciamo insaporire. Versiamo nei cestini di arancia.

cestini arance shoda

COME STAMPARE LA RICETTA– Ci chiedete spesso se sia o meno possibile stampare la ricetta. Farlo si può ed è molto semplice. Basta scorrere fino alla fine della ricetta e troverete i vari pulsantini di condivisione. Quello con il simbolo della stampante serve appunto per stampare la ricetta. Basterà cliccare sulla stampante e selezionare il formato che preferite stampare. Tutto è molto semplice!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.