Le ricette delle feste di Geo: facciamo la terrina di tacchino con lenticchie

Tra le ultime ricette viste nella cucina di Geo, il seguitissimo programma di Rai 3 con Sveva Sagramola, c’è anche un piatto perfetto per le feste. E se avete delle lenticchie in casa, potrete di certo preparare questa ottima terrina di tacchino. Che ne dite? La ricetta della terrina di tacchino con le lenticchie bicolore è davvero perfetta. Vediamo quindi come si prepara.

TERRINA DI TACCHINO SU INSALATA TIEPIDA DI LENTICCHIE BICOLORI

Ingredienti:
Per la terrina (due stampi da mezzo litro):
400 g di petto di tacchino affettato
150 g di salsiccia fresca di maiale o di tacchino (piccola di diametro)
150 g di pancetta fresca di maiale
70 g di prosciutto cotto a bastoncini
150 g di lardo aromatizzato affettato
1 carota
1 spicchio d’aglio
1 pezzetto di sedano verde
1 scalogno
2 uova grosse
1,5 dl di vino bianco secco
1 foglia di alloro
5 bacche di ginepro
1 rametto di timo
1 foglia di salvia
100 g di pistacchi non salati
olio extravergine di oliva
sale e pepe

Per l’insalata di lenticchie rosse e di Castelluccio:
250 g di lenticchie di Castelluccio
250 g di lenticchie rosse
1 cipollotto novello
2 coste di sedano
2 scalogni
2 foglie di salvia
2 rametti di timo
1 pizzico di semi di coriandolo
Olio extravergine di oliva
Sale e pepe

Preparate la terrina. Tagliate 4 bastoncini di petto di tacchino lunghi quanto i due stampi e fateli marinare per circa un’ora nel vino bianco unitamente all’aglio affettato (che poi toglierete), ad un pizzico di trito preparato con timo e salvia, sale e pepe. Tagliate a cubetti la carota e il sedano e tritate lo scalogno. Fate stufare il tutto con un filo di olio per alcuni minuti e lasciate raffreddare. Passate al mixer (a intermittenza, senza omogeneizzare) la restante polpa di tacchino e la pancetta. Mettete tutto in una ciotola, aggiungete metà marinata, un terzo dei pistacchi spellati, le uova e amalgamate il tutto.

Foderate i due stampi per terrine con le fettine di lardo, sistemate sul fondo uno strato di farcia, proseguite in modo coreografico con i bastoncini di prosciutto e di tacchino ed altra farcia formando due o tre strati. Prima di coprire con la farcia, ponete al centro un pezzo di salsiccia che vada da un’estremità all’altra dello stampo. Premete bene e piegate sopra le fettine di lardo sulle quali sistemerete la foglia di alloro e le bacche di ginepro. Coperchiate la terrina (o copritela prima con un foglio di carta da forno e poi con un doppio strato di alluminio in fogli per sigillare bene) e ponetela a cuocere in forno a 180 °C per 50-60 minuti. A cottura ultimata estraetela ed adagiatevi sopra un peso. Lasciate riposare per almeno 2-3 ore.

Lessate separatamente le due tipologie di lenticchie (le rosse cuociono in 10-12 minuti mentre le altre in circa mezz’ora) aggiungendo in ogni pentola alcuni semi di coriandolo, mezza costa di sedano, uno scalogno, una foglia di salvia e un rametto di timo. Salate verso fine cottura. Scolate le lenticchie, mettetele in una ciotola e conditele con olio e il cipollotto e il sedano rimasto, tritati.

Estraete la terrina dallo stampo, eliminate parzialmente il lardo e il grasso formatosi intorno e tagliatela a fette spesse poco più di un centimetro. Frullate i pistacchi rimasti finissimi poi emulsionateli con alcuni cucchiai di olio, due cucchiai di aceto e sale. Servite la terrina con le lenticchie guarnendo con gocce di salsa di pistacchi.

( fonte pagina Fb Geo)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.