La ricetta dello strudel di Pianura da Quel che passa il convento

In questi giorni non vanno in onda i classici programmi di cucina che seguiamo sempre con grande passione come ad esempio La prova del cuoco ma ce ne sono anche di altri che invece trasmettono delle ricettine molto buone. Tra i programmi che vi consigliamo di non perdere, su Tv2000 va in onda al mattino, intorno alle 11, Quel che passa il convento. Oggi, abbiamo preso appunti per voi e vi suggeriamo la ricetta dello strudel di Pianura suggerito da Rina.

Vediamo quindi come si prepara questa buonissima ricetta.

LA RICETTA DELLO STRUDEL DI PIANURA: ECCO COME SI PREPARA

Ecco la ricetta del buonissimo strudel
Per la base:
300 gr Farina 00
2 Uova
125 gr Zucchero
125 gr Burro
Mezza bustina Lievito Vanigliato in polvere
Per il ripieno:
Un barattolo marmellata di Prugne o Albicocche
4/5 Mele grosse
Zucchero
Succo di 2 Limoni
Cannella in polvere
Zucchero di Canna
100 gr Uvetta Sultanina ammollata

Preparazione:
Prendete la farina, le uova, il burro ed il lievito e formate una bella palla in maniera veloce. Mettetela un po’ nel frigorifero.
Sbucciate le mele e mettetele immediatamente con il succo dei 2 limoni, annaffiatele di tanta cannella in polvere e aggiungete 3-4 cucchiai di zucchero di canna. Girate le mele ogni tanto.
Lasciatele anche alcune ore a mollo.
Prendete una teglia rotonda di 32 cm e foderatela con la pasta frolla lasciando uno spessore un po’ più alto di una crostata normale.
Copritela con la marmellata, sopra la marmellata aggiungete l’uvetta ammollata ben strizzata e coprite il tutto con le fette di mela a raggiera.
Versate il liquido delle mele sull’intera torta e cospargete il tutto con abbondante zucchero di canna.
Infornate a 180 gradi per circa 40/45 minuti.

( FONTE FOTO E RICETTA PAGINA FB QUEL CHE PASSA IL CONVENTO)

Vi auguriamo un buon appetito con questa super ricetta da non perdere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.