Pane di San Francesco, la ricetta di oggi di Fulvio Marino

Oggi 4 ottobre 2021 è San Francesco e la ricetta di Fulvio Marino non poteva che essere il pane di San Francesco. Tra le ricette di oggi di E’ sempre mezzogiorno un pane con l’uvetta, con il miele, il latte, il burro, la scorza di limone e il latte oltre che ovviamente farina e lievito madre. Il pane di San Francesco è buonissimo, è un pane speciale con più lievitazioni ma sono gli ingredienti a rendere l’impasto ben diverso dagli altri. Come sempre le ricette di Fulvio Marino sono spiegate con cura, sono quelle che possiamo provare a fare tutti a casa ma solo l’esperienza ci potrà dare un risultato simile al pane che mostra Fulvio Marino. Ecco come si fa il pane di San Francesco con l’uvetta.

E’ sempre mezzogiorno Fulvio Marino – Pane di San Francesco

Ingredienti: 500 g di farina tipo 2 di grano tenero, 150 g di lievito madre, 200 g di latte intero, 80 g di miele millefiori, 2 tuorli, 50 g di burro, 8 g di sale, 80 g di uvetta, scorza di limone

Preparazione: nella ciotola versiamo la farina di grano tenero tipo 2, aggiungiamo il lievito madre. Se non abbiamo il lievito madre sostituiamo con 6 g di lievito di birra fresco e diminuiamo di 50 grammi il latte. Nella ciotola aggiungiamo il miele e quasi tutto il latte freddo e intero. Impastiamo con il cucchiaio e poi aggiungiamo i due tuorli, procediamo con l’impasto e uniamo il sale e il resto del latte, impastiamo ancora. Solo alla fine aggiungiamo il burro morbido un po’ alla volta, impastiamo e aggiungiamo la scorza di limone grattugiata, l’uvetta e così completiamo l’impasto. Copriamo e facciamo lievitare per 2 ore a temperatura ambiente.

Dividiamo poi l’impasto in quattro panetti, disponiamo nei cestini infarinati, copriamo e facciamo lievitare per altre 2 ore. Facciamo dei tagli sulle pagnotte, formiamo la croce e mettiamo in forno 20 minuti a 220° e poi a 190° per 30 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.