Ecco quali sono state le panzane politiche del 2013

Il 2013 è appena terminato ed è ancora tempo di classifiche. Vediamo quali sono state le panzane politiche dell’anno. La lista è stata stilata dai lettori del sito di fact checking per eccellenza: Pagella Politica. Il sito si propone di “smascherare” le bugie (consce o meno) dei politici nostrani, verificando le loro parole tramite i fatti concreti. Pagella politica è un sito indipendente di fact-checking politico, composto da un gruppo di giovani studiosi e ricercatori che monitorano le principali affermazioni dei politici italiani, e controllano quelle che si possono verificare perché contenenti fatti e numeri. Sono soliti suddividere in categorie le affermazioni: Sì, c’eri quasi, nì e Pinocchio andante. Per chi volesse, è possibile richiedere la verifica del fact checking anche a livello locale. Tornando alla politica nazionale, Pagella Politica ha chiesto ai propri lettori di votare quelle che, secondo loro, sono state le panzane dell’anno. Vediamo quali hanno scelto per il 2013. A vincere il poco ambito premio è stato Beppe Grillo. La sua “sparata” contro la crescita economica in Germania (il M5S è per la decrescita felice), che secondo l’ex comico avrebbe ridotto l’occupazione, ha vinto il premio della Panzana dell’anno. Secondo è stato Gianni Alemanno con la seguente affermazione: “Attualmente, il debito del Comune di Roma è zero”. Terzo posto per Silvio Berlusconi, che ha spiegato così il rapporto tra Governo e spread: “Non c’entra nulla il Governo sulla riduzione dello spread”. Purtroppo, sono ancora molte altre le affermazioni segnalate dal sito. Tra gli indici più alti di veridicità, secondo il sito, si segnalano Emma Bonino (91% di veridicità su 14 dichiarazioni) e Laura Boldrini (90% su 24), poi Enrico Letta (85% su 54), Matteo Renzi (78% su 99) e Angelino Alfano (69% su 31). Insomma, abbiamo visto quali sono state le panzane politiche del 2013 e anche i politici più pragmatici. Vediamo se nel 2014 cambierà questa classifica stilata dagli utenti e verificata da Pagella Politica.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.