Obeso perde 17 kg in due mesi mangiando solo da McDonald’s


Un obeso, che pesava più di 130 kg, ne perde 17 in due mesi mangiando solo da McDonald’s. La notizia è clamorosa dopo che tempo fa un americano fece un documentario esclusivo dimostrando che nutrendosi nel famoso fast food, e solamente con quel cibo, si ingrassa, eccome. A ogni modo, pare che un professore di scienze dell’Iowa (Stati Uniti), John Cisna, abbia compiuto l’impresa di dimagrire cibandosi solo dei prodotti del noto colosso. Il professore obeso perde ben 17 kg in soli due mesi, mangiando a colazione, pranzo e cena da McDonald’s. Solo cibo consumato lì, dunque. L’uomo condurre un esperimento usando se stesso come cavia. Probabilmente, a suggerirglielo è stato qualcuno dei suoi studenti. Tuttavia, il professore non ha scelto di ingozzarsi di hamburger, patatine fritte e dolci: ha consumato i prodotti più salutari della catena di fast food. Così ha scoperto che è possibile nutrirsi in maniera sana anche presso il colosso della ristorazione americano (e chissà che il tutto non fosse concordato proprio con loro). I suoi studenti hanno elaborato il menù per il professore, che pesava più di 130 kg prima dell’esperimento.  Lui ha seguito alla lettera il menù preparato dai suoi studenti e ha consumato petto di pollo alla griglia, insalata e omelette di bianco d’uovo. Infatti, negli ultimi anni sono stati introdotti menù più sani per venire incontro anche alla clientela che non osava metter piede lì. Quindi non solo i classici McBacon o McRoyal Deluxe, ma ultimamente la catena ha deciso di produrre altro. Ebbene, dopo due mesi il professor Cisna riesce a perdere 17 chili mangiando solo cibo del McDonald’s. Non solo: ottiene anche un sensibile calo del livello di colesterolo nel sangue. Quest’ultimo è passato da 249 a 170 e ha inoltre subito un crollo del 34% per quanto concerne quello cattivo. Insomma, come molte cose, se fatte nel modo giusto possono anche far bene.


Leggi altri articoli di Curiosità

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close