McDonald’s: le patatine fritte preparate con ben 17 ingredienti


Nell’indecisione se collacare la notizia che le patatine del McDonald’s sono il risultato di ben 17 ingredienti  nel settore salute o ricette alla fine la più giusta ci sembra quella delle notizie strane, quelle curiose perché nessuno l’avrebbe mai immaginato. Al cibo McDonald’s non si sfugge, lo sa chi viaggia spesso, chi ha bambini, chi ha fretta, chi è goloso e così via. Tutti abbiamo mangiato ben più di una volta le patatine del McDonald’s, ma in quanti eravamo a conoscenza dei 17 ingredienti contenuti in quel pacchetto?

La trasparenza sui vari passaggi di produzione dei prodotti venduti al McDonald’s è una delle caratteristiche di cui la nota catena di fast food si vanta. Forse avremmo preferito l’ignoranza, il non sapere cosa mangiano i nostri figli ogni volta che chiedono un Happy meal! Non facciamoci troppo male e analizziamo solo le patatine fritte.

In realtà non c’è bisogno di nessuna analisi perché ci ha pensato McDonald’s ad elencare il tutto, evidentemente ben consapevole che nessuno smetterà di ordinare.

Come le preparate voi a casa le patatine fritte? Patate, olio e sale, vero? Ovvio che al fast food non c’è la mamma che cucina e tutti immaginavamo che in quelle patatine ci fossero dei conservanti. Solo?


E i coloranti artificiali, gli olii geneticamente modificati, gli antischiuma e altro? Oltre agli ovvi ingredienti gli altri ci sono tutti, eccoli: olio di colza, olio di soia idrogenato, olio di cartamo, destrosio, aroma naturale, sodio pirofosfato acido, acido citrico, dimetilpolisilossano, olio di mais, sale silicoalluminato, Thbq, dimetilpolisiloxano, destrosio e ioduro di potassio.

Saremo in grado di dire no alla prossima porzione di patatine firmata McDonald’s?

E che dire del panino che dopo 14 anni è ancorca intatto? Succede solo da McDonald’s?


Leggi altri articoli di Curiosità

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close