Si vendica del tradimento del marito, facendo sesso con il proprio alunno

A Londra, un'insegnante è stata arrestata perché colpevole di aver fatto sesso con il proprio alunno sedicenne. La donna ha dichiarato di averlo fatto, dopo aver scoperto che il marito la tradiva

Sarebbe andata a letto con l’alunno per vendetta nei confronti del marito. È questa la versione data da Bernadette Smith, l’insegnante inglese accusata di aver fatto sesso con un alunno di sedici anni. La vicenda della donna, che si è dichiarata pentita, ha fatto il giro dei media britannici.
Bernadette Smith, la professoressa finite sulle prime pagine dei giornali britannici perché arrestata con l’accusa di aver fatto sesso con un minore, peraltro suo alunno, ha parlato alla testata inglese Mirror. “Ho rimorsi per quei dieci giorni di follia che mi hanno portato a condividere il letto con il mio alunno adolescente” ha dichiarato l’insegnante.
La donna ha 35 anni, è madre di tre figli ed è stata sempre considerata una professionista seria e ligia al dovere. Stando al racconto della donna, il suo equilibrio sarebbe stato stravolto dopo aver scoperto che il marito la tradiva. La Smith ha aggiunto che da questa relazione extraconiugale del marito un’altra donna sarebbe rimasta incinta.
Sarebbe stato, dunque, in seguito a questo shock che l’insegnante avrebbe fatto sesso con Gary, un suo alunno di sedici anni. I due, stando alle ricostruzioni fatte dalle forze dell’ordine, avevano preso l’abitudine di vedersi anche dopo le lezioni. La confidenza era pesto sconfinata in un rapporto fisico.
Sul rapporto con il 16enne, la Smith ha aggiunto: “Lui mi raccontava dei suoi problemi a casa e io del fallimento del mio matrimonio“. “Quando è scoppiato lo scandalo – ha concluso la donna – sono stata arrestata e ha trascorso il fine settimana in una cella di prigione. La polizia mi ha chiesto se ho amato Gary, io ho mentito perché ora ho realizzato di non averlo mai amato“.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.