Treviso, milionario mantiene amante e marito tradito


Non capita certo tutti i giorni di sentire notizie del genere. Di tradimenti, si sa, ce ne sono purtroppo e non pochi, ma quello che lascia più senza parole è quella retribuzione sborsata per l’altra donna e il suo lui. E’ quanto accaduto a Treviso dove un milionario molto “generoso” ha tirato fuori ben 5 mila euro la settimana per la sua amante e il marito di lei, tradito ma contento, a quanto pare.L’uomo è un finanziere milionario che sembra si sia conquistato anche la simpatia del marito dell’amante. L’uomo, infatti, gli aveva prestato una somma pari a 35 mila euro, tra l’altro mai riavuta indietro. La donna denuncia il gentil finanziere per stalking, ma presto finisce in tribunale per calunnia. L’amico facoltoso, infatti, ha chiesto un risarcimento di 30 mila euro per la calunnia ricevuta.


Secondo alcune ricostruzioni pare che la donna a un certo punto si sia stancata di questo gioco e abbia deciso di porre fine a questo rapporto a tre e il milionario di Treviso, non d’accordo con la sua scelta, abbia tentato più volte di riconquistarla. Ma lei non ci sta e lo denuncia per stalking, tra minacce e pedinamenti. Un trio veramente curioso e di questi tempi se ne sentono davvero di tutti i tipi ma, come si suol dire: contenti loro!

E’ veramente assurdo, infatti, non tanto che l’amante si faccia pagare, ma che persino il marito della donna sia consenziente con questa situazione. Insomma, questo triste gioco giunto alla fine ci fa riflettere su quanto i valori di oggi siano andati a quel Paese e che è preferibile qualche euro in tasca in più piuttosto che la propria dignità. Da apprezzare anche il coraggio dell’amante, la quale in un primo momento usufruisce della “bontà” dell’altro uomo, mangiando addirittura per due, e poi a tempo debito ricambia con la denuncia per stalking. Voi che ne pensate?


Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close