Fa Mortal Kombat in ascensore imitando Sub Zero: la candid fa il giro del mondo (VIDEO)

Un uomo imita Sub Zero in ascensore. Il celebre personaggio del videogioco di Mortal Kombat spaventa tutti coloro che salgono o/e scendono ai piani del palazzo e la candid camera fa il giro del mondo. Era il 1992 quando le sale giochi di tutta Italia vennero invase dal videogame di Mortal Kombat. Un picchiaduro rivoluzionaro, un’evoluzione dell’allora Re Street Fighter. A contraddistinguere quello che poi divenne un cult era la violenza. Era infatti possibile eseguire una combo finale, dopo aver battuto il proprio avversario. Il colpo finale era cruento e fantasioso. Il videogioco ha avuto innumerevoli seguiti e persino due trasposizioni cinematografiche (di cui merita menzione soltanto la prima).

Si finge morto per non sposarsi – LEGGI QUI

A distanza di anni, continuano a uscire nuovi titoli della saga e c’è un uomo che non ha mai dimenticato il suo mito adolescenziale: Sub Zero. Si veste dal celebre uomo di ghiaccio del videogame, piazza una telecamera in ascensore e fa la sua candid camera. Il video viene poi postato sulla sua pagina di YouTube e fa il giro del mondo. La sua imitazione diventa virale anche grazie alle reazioni delle persone. Inizialmente sbigottite dal suo vestito e particolare modo di fare, poi diventa vera e propria paura dopo che l’uomo inizia a eseguire mosse contro di loro. Qualcuno prova anche a difendersi.

Lo scherzo di una donna che non è mai uscita di casa e ha postato le foto della vacanza – LEGGI QUI

Per evitare che la situazione trascenda, alla fine l’uomo si toglie la maschera da Sub Zero e inizia a ridere spiegando che si trattava di una candid camera. Dunque, per i nostalgici di Mortal Kombat e dei primi indimenticabili episodi, ecco un video chicca che farà sorridere tutti. Il video è diventato virale e ha ottenuto numerosi mi piace e molte visualizzazioni. Stiamo certi che dopo il successo ci saranno ulteriori capitoli di questa bizzarra e divertente candid camera. Il filmato degli scherzi è disponibile a fine articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.