Eleonora Brigliadori sconvolge col messaggio per Karina Huff: non si muore di cancro al seno

Eleonora Brigliadori ha postato un messaggio sul suo profilo facebook dopo la morte di Karina Huff avvenuta ieri mattina. Secondo la Brigliadori sarebbero state le cure di chemioterapia a distruggere l’attrice. Karina Huff è deceduta ieri mattina a causa di un tumore al seno. La Brigliadori oltre a definire la terapia chemioterapica un “inutile veleno”, afferma che se non avesse fatto la chemioterapia, l’attrice, sarebbe ancora in vita perché di tumore al seno non si muore. Sappiamo bene che non è così, il tumore al seno è uno dei tumori maligni sicuramente più devastanti per una donna. Se preso in tempo magari può allungare la vita della persona ma di certo senza terapia non se ne va.

Diverse volte l’attrice ha manifestato dei dissapori contro le terapie invasive, che sicuramente debilitano l’organismo di chi le esegue, ma certo non si possono evitare a meno che come ha fatto lei ha scelto una via diversa. “Avevo un carcinoma al fegato – racconta Eleonora Brigliadori – che dopo tre anni è sparito, è stato metabolizzato dal virus dell’epatite”.

La morte dell’attrice – il ricordo del figlio su Facebook – leggi qui
L’attrice si è affidata alla “Nuova medicina Germanica”, un tipo di medicina che segue l’autoguarigione da parte della persona che ne inizia a seguire le teorie, il cui ispiratore è il dottor Ryke Geer Hamer. Ecco quello che ha raccontato della sua esperienza: “I medici mi dissero che avevo solo sei mesi di vita. Mi ero resa conto che il percorso ospedaliero non agevolava, – continua ancora – anzi rendeva ancora più difficile anche il trapasso. Ho deciso di non intraprendere alcuna cura e di non effettuare su di esami invasivi. Sarei dovuta morire, – racconta la Brigliadori – quindi perché farmi bucare, tagliare, aprire?”.  Conclude infine dicendo : “Non ho fatto la chemioterapia perché sono convinta che vada a creare ulteriori problemi fisici, oltre ad innescare meccanismi di paura”. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.