Animali domestici nei supermercati, ecco cosa dice il decreto

Ci siamo chiesti se c’è una normativa che regola l’entrata dei cani al supermercato. Gli animali in genere non sempre possono accedere in tutti i luoghi che vorremmo, ma sono arrivate in diversi comuni d’Italia segnalazioni da parte di consumatori, che mentre fanno la spesa si ritrovano in giro per il supermercato i cani nei carrelli o che sono in giro con i loro padroni a fare la spesa. Purtroppo non tutti sono d’accordo su questo argomento, e seppur dipenda dalla buona educazione e attenzione di chi possiede un cane, bisogna tener presente che ci sono delle regole da rispettare.

Nei supermercati i cani possono entrare c’è infatti un decreto D.P.R. 320/54, Regolamento di polizia veterinaria, che consente l’entrata degli animali domestici nei supermercati, accompagnati sempre dal loro padrone e soprattutto, specifica il decreto: “tenuti sotto controllo/al guinzaglio”. Purtroppo questo non sempre lo vediamo. In diversi supermercati però ci sono dei trasportini adatti o dei carrelli solo per animali domestici. Vediamo nel dettaglio.

Bocconi Killer per cani scatta una nuova ordinanza, le novità

Per esempio alla Coop hanno dei trasportini-borsa che sono ideati proprio per questo. C’è da considerare che però il direttore del supermercato può consigliare di non far entrare il proprio animale all’interno del supermercato ma non vietarlo. Questo è riportato sempre sul decreto che vi abbiamo segnalato prima. Inoltre ogni comune può decidere autonomamente diverse disposizioni in materia, in quanto non esiste una legge effettiva che regola questo. La catena Esselunga invece: si attiene al regolamento comunitario n. 852/2004: “Occorre predisporre procedure adeguate per controllare gli animali infestanti e per impedire – informa l’ufficio stampa di Esselunga -agli animali domestici di accedere ai luoghi dove gli alimenti sono preparati, trattati o conservati”.

I rimedi naturali per tenere lontane le pulci dai nostri cani

Allo stesso modo anche nei supermercati Despar e Conad, ma non in tutti i comuni, sono comunque molto attenti a rispettare le norme vigenti, mettendo a disposizione i carrelli che hanno un vano solo per animali e a controllare che non ci siano disagi per chi non ha animali domestici e non vuole essere disturbato mentre fa la spesa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.