Eleonora Brigliadori parole al vetriolo contro Umberto Veronesi su Facebook

Mentre in tanti commentano con tristezza la scomparsa del professore Umberto Veronesi aggiungendo tutto tutta la gratitudine per aver combattuto fino alla fine a beneficio di tutti e contro il cancro, Eleonora Brigliadori scrive parole ben diverse, commenti al vetriolo contro il famoso oncologo scomparso nei giorni scorsi. Su Facebook il post è stato rimosso ma resta scritto ugualmente nero su bianco perché c’è chi l’ha copiato o salvato prima che la Brigliadori lo eliminasse. Conosciamo parte dei pensieri della Birgliadori ma un attacco del giorno ad Umberto Veronesi dopo la sua morte supera tutto.

“Purtroppo l’anima devastata di questo uomo – inizia così il post di Eleonora Brigliadori su Umberto Veronesi – continuerà a fare del male ammesso che fosse morto, che possa davvero morire, perché ha costruito un impero con i suoi soldati demoniaci che sono già pronti a moltiplicare il male che lui aveva predisposto all’infinito… Tra l’altro – prosegue su Facebook –  non si spiega come mai sia morto a casa avendo un bell’ospedale a disposizione, io non ho visto il cadavere. Non l’ho visto bruciare in una pira funebre, posso pure rifiutarmi di credere che sia morto e che questa sia una semplice uscita di scena strategica, in un momento cruciale per andare a governare il suo impero del male con un profilo invisibile”.

L’addio commosso di Marco Bianchi al professor Umberto Veronesi – clicca qui

Nemmeno la morte di Veronesi ha fermato Eleonora Brigliadori né ha addolcito il suo modo di esprimersi. Sempre sul suo profilo social ha continuato: “Come abbiamo permesso che una persona simile potesse decidere del destino di migliaia, milioni di persone? – ha aggiunto ancora l’attrice – Se lui è convinto di essere libero di poter fare scempio della creazione divina questo ammette indirettamente quale tipo di natura lo governi ci rende evidente in tal modo di essere portatore dell’elemento demoniaco portato ormai a visibile compimento dai fatti comprovati dalla sua carriera di morte. Una vita spesa ad impedire che la cura per il cancro fosse comunicata dal momento che già esiste – ha poi concluso – Questo dovrebbe essere il suo epitaffio nel caso esistesse una tomba dove potesse riposare in pace… purtroppo questo luogo non esiste…”. Infine, ha cancellato tutto ma troppo tardi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.