Anche George Clooney difende Meghan Markle: sta subendo bullismo come Diana (Foto)

George Clooney e Amal Alamuddin sono tra gli amici più cari di Meghan Markle e il principe Harry; l’attore stanco di leggere e ascoltare continue critiche e attacchi è sceso in campo per difendere l’ex collega (foto). Meghan sta subendo bullismo, per Clooney non c’è dubbio che  i media britannici stiano commettendo lo stesso errore fatto con Diana. Difende a spada tratta la Markle che viene diffamata e perseguitata nonostante sia anche al settimo mese di gravidanza. Per lui la storia si ripete e aggiunge che sappiamo tutti come è andata a finire. Lady Diana è morta a Parigi sotto un tunnel mentre scappava dai paparazzi. E’ alla rivista Who che l’attore americano affida i suoi pensieri, il suo sfogo, la sua difesa nei confronti di un’amica, una donna che conosce bene. Ai reali inglesi non è permesso rilasciare interviste, parlare con la stampa, scrivere messaggi sui social, difendersi. La sfogo di George Clooney arriva dopo la pubblicazione sul Daily Mail della lettera che Meghan ha scritto al padre per dirgli come si senta a causa delle sue interviste e dei suoi continui attacchi.

GEROGE CLOONEY DIFENDE MEGHAN MARKLE CONTRO LA STAMPA

Clooney punta il dito contro la stampa inglese, per lui è colpevole di sottoporre la duchessa di Sussex a “un’ondata di abusi e molestie”. Per il divo americano gli attacchi mediatici che subisce Meghan sarebbero gli stessi d quelli subiti in passato da Diana, dalla madre di Harry. Era il 1997 e non è cambiato niente, nessuno ha imparato niente da quel tragico evento.

Non è l’unico George Clooney a schierarsi contro la stampa per difendere Meghan e anche Kate Middleton. Anche Sarah Ferguson ha scritto una lettera aperta al tabloid britannico Hello spiegando che quello che stanno subendo le due duchesse è ciò che hanno sempre scritto di lei e Diana. Immaginiamo che adesso anche altri si schierino per il bene di Meghan e indirettamente anche di Kate, distogliendo così almeno l’attenzione del gossip.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.