Ares Gate, Ursula Andress scrive a Dagospia: “Ignobile infangare la reputazione”