Andrea Lo Cicero, la dieta che gli ha fatto perdere 25 chili (Foto)

Come ha fatto Andrea Lo Cicero a perdere 25 chili (foto)? Una dieta perfetta per l’ex rugbista, come ha confidato alla Gazzetta spiegando che è importante essere seguiti da un medico. Una dieta chetogenica normoproteica, un regime alimentare adatto a Lo Cicero ma non a tutti. E’ sempre importante badare alla forma fisica e alla salute e in questo periodo ancora di più. E’ necessario inoltre che la dieta non provochi ulteriori sacrifici eccessivi, sempre perché questo magari non è il periodo migliore per ciò che stiamo attraversando. Ecco perché è importante seguire una dieta personalizzata. Andrea Lo Cicero sentiva di avere sulle spalle troppo peso, ben 110 kg, ha pensato di scendere almeno al di sotto dei 100 e adesso si sente benissimo.

LA DIETA DI ANDREA LO CICERO – COSA PUO’ MANGIARE E QUALI SONO I CIBI VIETATI

Per lui una lista di alimenti vietati e di alimenti consentiti. “Per esempio, i cavolfiori erano da evitare perché fermentano. Anche le rape rosse, che sono molto zuccherine. Via anche i broccoli, tutti i formaggi e gli alcolici. Sarebbero consentiti ogni tanto un bicchiere di vino o di birra, ma io li ho evitati del tutto”.

Quelli che poteva mangiare durane la dieta invece: “Finocchi e zucchine si possono mangiare a volontà. I pomodori solo in quantità limitate, come anche le melanzane. Via libera a uova, pesce e carne. E niente frutta, perché carica di zuccheri, anche se sono zuccheri buoni”.

Sempre a Gazzetta Active ha confidato la dieta tipo, la giornata tipo. A colazione un caffè lungo e senza zucchero, un cornetto proteico con pochi zuccheri. Quindi lo snack di metà mattina che in genere è una barretta proteica. Poi il pranzo: “Posso mangiare un hamburger con verdure in abbondanza, in particolare finocchi e zucchine, o una grossa insalata di rucola o lattughino, magari con dei pomodori. Ho un altro snack a metà pomeriggio, anche questo con biscotti proteici o una barretta. A cena è consentito un piatto di pasta proteica con molta verdura”. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.