Charlene di Monaco è tornata ma le indiscrezioni sono imbarazzanti

Charlene Wittstock crisi

Il ritorno a casa di Charlene di Monaco non ha messo a tacere i pettegolezzi sulla principessa dopo mesi di lontananza dal Principato, dal marito e dai figli. Erano tutti felici di vederla atterrare dopo il viaggio dal Sudafrica, di vederla abbracciata ai gemelli e al principe Alberto di Monaco. Adesso salta fuori altro, indiscrezioni che non trovano nessuna conferma ufficiale ma che stanno facendo il giro del mondo imbarazzando di nuovo i reali. Si mormora che Charlene Wittstock sia tornata a casa ma non dal marito, che avesse un enorme desiderio di riabbracciare i suoi bambini e di riprendere il controllo nel ruolo di madre, ma non di ritrovare suo marito. Quanto c’è di vero in tutto questo? Sembra che Charlene di Monaco non sia minimamente d’accordo che i suoi figli viaggino così tanto seguendo il padre nei vari impegni, come invece Alberto ha fatto con i suoi genitori. La Wittstock desidera che non perdano troppi giorni di scuola e sembra infatti averla spuntata pur con rammarico da parte del principe. Questa sarebbe solo una parte delle indiscrezioni.

Charlene Wittstock non vive con suo marito a palazzo reale?

Dopo dieci mesi di lontananza è ovvio che Charlene non riprenda subito gli impegni pubblici ma il pettegolezzo va oltre. La principessa non ha solo bisogno di riprendersi dalle operazioni subite in Sudafrica, dicono che potrebbe tornare a vivere dove già aveva scelto di trascorrere la maggior parte del tempo prima della partenza per il suo Paese.

Inoltre, lasciando il Sudafrica nel suo discorso di ringraziamenti non avrebbe mai nominato il principato Alberto di Monaco citando solo i figli, i medici e tutte le persone che le sono state accanto in questi mesi durissimi. Si parla di nuovo di crisi per la coppia reale, di un ritorno che non sarebbe il lieto fine di una favola moderna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.